Embed RSS
ISSN 2498-9916
Direttore: Avv. Francesco Barchielli
Articoli pubblicati

Articoli di Ottobre 2004

NumeroArticoloData
1T.A.R. Veneto, Sezione I, ottobre 2004, n. 3732
Quantunque nella prassi molte concessioni vengano emesse in forma c.d. condizionata, si deve ritenere che queste non siano vere condizioni ma prescrizioni che ne condizionano (non la legittimità) ma l’esercizio e che dunque la loro inosservanza può determinare sanzioni, quali la sospensione dei lavori ed i successivi provvedimenti sino alla decadenza

2004-10-30
2T.A.R. Piemonte, Sezione I, ottobre 2004, n. 2506
Alcune interessanti aperture giurisprudenziali sulla c.d. “sanatoria giurisprudenziale”, ovverosia sulla possibilità di evitare la demolizione dell’abuso ancorché vi sia stato il rigetto dell’istanza di concessione in sanatoria per difetto della doppia conformità

2004-10-30
3T.A.R. Piemonte, Sezione I, ottobre 2004, n. 2504
[A] Se è vero che la categoria tipologica della ristrutturazione edilizia comprende gli interventi di demolizione e successiva fedele ricostruzione, il concetto di “fedeltà” richiede una precisazione. [B] La fedeltà della ricostruzione va ricondotta al concetto di recupero, nel senso che il fabbricato nuovo può pur sempre costituire un organismo edilizio anche in tutto diverso da quello demolito, ma deve essere a quello comunque materialmente riferibile

2004-10-30
4T.A.R. Emilia Romagna, Sezione Parma, ottobre 2004, n. 676
[A] ai fini dell’impugnazione di una concessione edilizia da parte di terzi interessati, il momento identificativo della piena conoscenza deve essere fatto risalire, di regola, all’ultimazione dei lavori edili. [B] Non sussiste l’obbligo di dare comunicazione ai proprietari frontisti dell’avvio del procedimento diretto al rilascio di un concessione edilizia

2004-10-30
5T.A.R. Umbria, ottobre 2004, n. 604
Deve essere qualificata industriale (e non agricola) l’attività di allevamento di pollame in batteria di rilevanti dimensioni, insediato su un fondo agricolo di limitata estensione e perciò tale da non poter contribuire in misura apprezzabile al fabbisogno alimentare dell'allevamento

2004-10-30
6T.A.R. Umbria, ottobre 2004, n. 602
L’annullamento della concessione edilizia non necessita di alcuna motivazione sul pubblico interesse concreto ed attuale alla rimozione dell’atto, allorché il rilascio sia determinato dall’erronea rappresentazione della realtà prospettata (consapevole o meno) da parte del titolare della concessione

2004-10-30
7T.A.R. Umbria, ottobre 2004, n. 601
Se può ritenersi legittimo che uno strumento urbanistico, al fine di assicurare (non soltanto le condizioni di sicurezza ma anche) un adeguato assetto del territorio circostante, precluda l’ampliamento di un impianto esistente (fattispecie relativa ad un impianto di deposito e travaso di G.P.L.), non altrettanto può dirsi dell’utilizzazione dello strumento urbanistico per imporre adeguamenti, cautele o addirittura delocalizzazioni

2004-10-30
8Condono: Toscana, approvato con L.R. n. 53 del ottobre 2004
BURT del 27 ottobre 2004 n. 40 - Approvata dal Consiglio Regionale nella sedeta del 19 ottobre 2004

2004-10-29
9Consiglio di Stato, Sezione V, ottobre 2004, n. 6831
Sono due i casi in cui si verifica la decadenza della concessione edilizia: mancato rispetto dei termini di inizio e fine lavori; entrata in vigore di nuovi previsioni urbanistiche laddove i lavori non siano stati ancora iniziati

2004-10-27
10Consiglio di Stato, Sezione V, ottobre 2004, n. 6880
Sulla particolare estensione del diritto di accesso agli atti amministrativi in materia ambientale

2004-10-27
11T.A.R. Emilia Romagna Bologna, Sezione II, ottobre 2004, n. 3642
Sui presupposti per il configurarsi della lottizzazione abusiva prevista dall’articolo 18 della legge 28 febbraio 1985, n. 47

2004-10-27
12T.A.R. Puglia Lecce, Sezione III, ottobre 2004, n. 7255
La concessione edilizia al comproprietario di un’area può essere rilasciata soltanto laddove la situazione di fatto consenta di supporre l'esistenza di un "pactum fiduciae" intercorrente tra gli stessi comproprietari

2004-10-27
13T.A.R. Puglia Lecce, Sezione III, ottobre 2004, n. 7256
[A] L’entità del contributo deve essere individuata con riferimento al momento in cui viene rilasciata la concessione edilizia in sanatoria. [B] I conteggi degli oneri concessori non abbisognano di particolare motivazione ai sensi dell’art. 3 l. 241/90

2004-10-27
14T.A.R. Campania Napoli, Sezione III, ottobre 2004, n. 14381
L'asservimento della volumetria realizzabile su un lotto a favore di un altro al fine di consentire in questo un'edificabilità maggiore è possibile soltanto se i lotti hanno la stessa destinazione urbanistica

2004-10-27
15T.A.R. Campania Napoli, Sezione III, ottobre 2004, n. 14383
La legge 18.12.2001 n. 383 che ha introdotto incentivi fiscali e previdenziali in favore degli imprenditori che dichiarino rapporti di lavoro irregolare, non può assolutamente riguardare gli abusi edilizi

2004-10-27
16T.A.R. Campania Napoli, Sezione IV, ottobre 2004, n. 14396
Anche una struttura - nella specie, tettoia delimitata per due lati da muri sormontati da barriera metallica - realizzata “per motivi di sicurezza” necessita del titolo edilizio che può essere rilasciato in sanatoria soltanto se conforme alle prescrizioni contenute negli strumenti urbanistici

2004-10-27
17T.A.R. Campania Napoli, Sezione I, ottobre 2004, n. 14903
Dopo l’entrata in vigore della legge n. 340/2000, che ha adottato il principio maggioritario come regola generale di azione della conferenza di servizi, appare più corretto ritenere che non si è più in presenza di un mero modulo procedimentale bensì di un vero e proprio organo collegiale

2004-10-27
18Concessione e D.I.A. Necessaria certificazione di regolarità contributiva
Decreto legislativo 14 agosto 1996, n. 494 Articolo 3 coordinato con le modifiche introdotte con Decreto Legislativo 6 ottobre 2004, n. 251 - testo in vigore dal 26 ottobre 2004

2004-10-26
19T.A.R. Toscana, Sezione I, ottobre 2004, n. 5014
Sulla legittimazione ad impugnare l’approvazione del Regolamento Urbanistico da parte delle associazioni ambientaliste, dei comitati cittadini, ovvero di qualunque residente nel comune a prescindere dalla concreta esistenza di un suo interesse immediatamente leso

2004-10-26
20T.A.R. Toscana, Sezione I, ottobre 2004, n. 5002
E’ illegittimo il Regolamento Urbanistico laddove sia stato approvato in carenza di una adeguata indagine geologica - fattispecie nella quale il Comune si è avvalso di uno studio ormai obsoleto eseguito nel 1995 e concernente uno strumento urbanistico mai approvato

2004-10-26
21Consiglio di Stato, Sezione V, ottobre 2004, n. 6818
Sui requisiti che devono concorrere per fondare lo speciale regime di gratuità della concessione: l'uno di carattere oggettivo e l'altro di carattere soggettivo

2004-10-26
22Consiglio di Stato, Sezione V, ottobre 2004, n. 6810
Perché possa ritenersi sussistente una lottizzazione abusiva è necessaria una concreta ricostruzione di un quadro indiziario dalla quale sia possibile desumere in maniera non equivoca "la destinazione a scopo edificatorio" degli atti posti in essere dalle parti

2004-10-26
23Consiglio di Stato, Sezione VI, ottobre 2004, n. 6761
[A] Per giurisprudenza costante il provvedimento amministrativo non è atto recettizio se non in taluni particolari casi. [B] Il termine perentorio di sessanta giorni per l’annullamento del nulla osta paesaggistico da parte della Soprintendenza riguarda l’esercizio del potere di annullamento e non anche la successiva fase della comunicazione o della notificazione

2004-10-26
24Consiglio di Stato, Sezione IV, ottobre 2004, n. 6727
Sulla natura e la sindacabilità delle c.d. “leggi provvedimento” alla luce degli orientamenti della Corte Costituzionale e del Consiglio di Stato

2004-10-26
25Regione Toscana. Progetto di piano stralcio assetto idrogeologico fiume Arno
Espressione parere. Deliberazione n. 127 del 5/10/2004

2004-10-25
26Regione Toscana. Giunta. Piano regionale di azione ambientale
Programma per il finanziamento progetti in tema di ecoefficienza energetica - Delibera G.R. n. 815 del 27.08.2004 - BURT 41 del 20/10/2004

2004-10-25
27Regione Toscana. Piano d’indirizzo per le montagne toscane 2004-2006
DELIBERAZIONE 21 settembre 2004, n. 109 - BURT n. 42 del 20/10/2004

2004-10-25
28Regione Toscana. La carta geologica regionale, in italiano e gratis sul web
L'assessore all'ambiente: "Un servizio che solo la Toscana mette a disposizione"

2004-10-25
29T.A.R. Piemonte, Sezione II, ottobre 2004, n. 2170
[A] Sulla distinzione tra demanio, patrimonio indisponibile e patrimonio disponibile. [B] La gestione del patrimonio disponibile è affidata agli strumenti del diritto comune, e l’esame della loro correttezza ed efficacia esula dalla giurisdizione del Giudice Amministrativo - Fattispecie relativa ad un immobile destinato ad attività economiche di terzi e a loro esclusivo beneficio

2004-10-19
30T.A.R. Lazio Roma, Sezione II, ottobre 2004, n. 11120
L’art. 9 della legge n. 122/1989 consente di realizzare, anche in deroga agli strumenti urbanistici, esclusivamente parcheggi pertinenziali degli edifici, collocati nei locali siti al piano terreno o nel sottosuolo di aree anche esterne al fabbricato. La stessa norma non risulta, quindi, applicabile per la realizzazione di un parcheggio a raso non interrato, al fine di cedere o affittare temporaneamente a terzi i relativi posti macchina

2004-10-19
31T.A.R. Lazio Roma, Sezione I Quater, ottobre 2004, n. 10682
A fronte di una denuncia di inizio attività di cui tenere conto, la presunzione di legittimità delle opere intraprese non esime l’Amministrazione da un obbligo di controllo, esercitabile non al di fuori – senza adeguata motivazione – dei limiti temporali generalmente riconosciuti dalla giurisprudenza, come idonei a determinare la consolidazione di situazioni soggettive protette, corrispondenti ad un titolo legittimante, che non fosse tempestivamente dichiarato non conforme all’ordinamento

2004-10-19
32T.A.R. Emilia Romagna, Sezione Parma, ottobre 2004, n. 673
La declaratoria di decadenza dalla concessione edilizia non necessita di particolari motivazioni, essendo sufficiente la sussistenza del mancato inizio dei lavori entro il termine assegnato

2004-10-19
33T.A.R. Umbria, Sezione I, ottobre 2004, n. 589
Industrie insalubri: la pericolosità per la salute di talune attività produttive, ivi comprese le industrie insalubri di prima classe, non costituisce ragione sufficiente per bandirle in assoluto dal territorio

2004-10-19
34T.A.R. Sicilia Palermo, Sezione II, ottobre 2004, n. 2223
Sulla necessaria sussistenza dei requisiti soggetti ed oggettivi affinché possa formarsi il silenzio assenso su un’istanza di concessione edilizia

2004-10-19
35T.A.R. Puglia Lecce, Sezione I, ottobre 2004, n. 7178
Ove il privato abbia ottenuto in ritardo un provvedimento favorevole, ma si ritenga, ciò nonostante, leso per il mancato godimento del bene della vita per tutta la durata dell’illegittimo silenzio serbato dall’amministrazione, può domandare al Giudice amministrativo il risarcimento del danno subito per effetto dell’inerzia della P.A., atteso che, in tale ipotesi, la valutazione circa la fondatezza della pretesa sostanziale fatta valere dal privato medesimo in sede amministrativa è stata già effettuata positivamente dalla stessa autorità amministrativa mediante il rilascio del provvedimento ampliativo richiesto

2004-10-19
36T.A.R. Puglia Lecce, Sezione I, ottobre 2004, n. 7173
Non è consentito che il Comune, attraverso il formale utilizzo degli strumenti di natura edilizia-urbanistica, adotti misure che, nella sostanza, costituiscono una deroga ai predetti limiti di esposizione fissati dallo Stato

2004-10-19
37T.A.R. Puglia Lecce, Sezione I, ottobre 2004, n. 7172
La destinazione a zona agricola di un'area non impone un obbligo specifico di utilizzazione effettiva in tal senso, avendo solo lo scopo di evitare insediamenti residenziali. Sono stati ritenuti ammissibili in zona agricola una serie di attività anche commerciali, industriali e di servizio: un impianto idroelettrico, un deposito di esplosivi, uno stabilimento per la produzione di fuochi di artificio, un impianto di telefonia cellulare, un’area adibita a parcheggio

2004-10-19
38T.A.R. Calabria Catanzaro, Sezione II, ottobre 2004, n. 1878
La mancanza di un piano attuativo non può essere legittimamente invocata a fondamento del diniego di concessione edilizia, quando essa è l’esclusivo motivo sul quale la reiezione si basa, dovendo l’amministrazione dimostrare che di tali strumenti attuativi vi sia effettiva necessità a causa dello stato di insufficiente urbanizzazione primaria e secondaria della zona

2004-10-19
39T.A.R. Toscana, Sezione III, ottobre 2004, n. 4477 (Romano)
Ai fini dell’accertamento dell’uso pubblico di una strada, non sono determinanti le risultanze catastali o l’inclusione nell’elenco delle strade pubbliche – la classificazione delle strade avendo efficacia presuntiva e dichiarativa e non costitutiva – bensì le condizioni effettive in cui il bene si trova

2004-10-19
40T.A.R. Toscana, Sezione III, ottobre 2004, n. 4476 (Romano)
Il vincolo introdotto con la legge n. 662 del 1996, che si applica alle costruzioni abusive realizzate sopra e sotto il soprassuolo boschivo distrutto o danneggiato per cause naturali o atti volontari, impedisce che tali opere possano formare oggetto di condono

2004-10-19
41T.A.R. Toscana, Sezione III, ottobre 2004
E’ necessaria concessione edilizia e non D.I.A. qualora il mutamento di destinazione d’uso avvenuto nell’immobile di proprietà sia seguito a distanza di una settimana da opere interne di manutenzione straordinaria, dovendo ritenere che si tratti di un unico episodio caratterizzato da un nesso causale tra le due circostanze, ancorché fatte oggetto di separate dichiarazioni di inizio di attività

2004-10-19
42Consiglio di Stato, Sezione V, ottobre 2004, n. 6554
Per l’annullamento di una concessione edilizia non occorre la presenza di preminenti ragioni di interesse pubblico quando il soggetto nei cui confronti si esercita il potere di annullamento non sia in buona fede

2004-10-19
43Consiglio di Stato, Sezione V, ottobre 2004, n. 6532
L’installazione di impianti pubblicitari, in quanto attività “contingentata”, è esclusa dalla disciplina della denuncia di inizio attività

2004-10-19
44Consiglio di Stato, Sezione V, ottobre 2004, n. 6527
Il piano di lottizzazione ha durata decennale

2004-10-19
45Mezzo milione di euro contro l'inquinamento luminoso
Il 30 novembre scade il bando per i Comuni per il finanziamento dei progetti. Franci: "Un contributo importante anche per tagliare i consumi energetici"

2004-10-18
46Condono, “La nostra legge limiterà al massimo gli effetti negativi”
Intervento dell’assessore Conti al dibattito di Dire & fare: "E’ una normativa cui siamo stati costretti dalla sentenza della Corte Costituzionale"

2004-10-18
47T.A.R. Toscana, Sezione I, ottobre 2004, n. 4201 (Romano)
Nella fase della realizzazione forzosa del credito, anche per le infrazioni edilizie, le opposizioni proposte contro l’esecuzione avviata ex r.d. 639/1910 appartengono alla cognizione del giudice ordinario ove si discuta dell’esperibilità del procedimento esattoriale, della legittimità dei singoli atti del procedimento, ovvero dell’attuale persistenza del credito dell’ente territoriale per decorso del termine prescrizionale, ovvero ancora della validità formale dell’ingiunzione

2004-10-12
48T.A.R. Toscana, Sezione I, ottobre 2004, n. 4196 (Di Nunzio)
[A] Ai sensi della L.R. Toscana 5/95, tutti i livelli di piano devono individuare "invarianti strutturali" del territorio da sottoporre a tutela. [B] La Provincia di Firenze ha attuato tale tutela definendo, nel Piano Territoriale di Coordinamento vigente, delle "aree fragili", nelle quali è possibile intervenire con interventi edilizi solo previa predisposizione da parte della Provincia di un "Programma di Paesaggio"

2004-10-12
49T.A.R. Veneto, Sezione II, ottobre 2004, n. 3602
Sui limiti e gli effetti per l’imposizione del vincolo storico artistico indiretto, ai sensi dell’art. 21 della L. 1089 del 1939

2004-10-12
50T.A.R. Piemonte, Sezione I, ottobre 2004, n. 2142
L’attività istituzionale della Casa di Riposo (in particolare l’ospitalità e l’assistenza agli anziani) rientrano fra le funzioni espressamente attribuite ai Comuni dagli artt. 131 e 132 D.L.vo 31 marzo 1998, n. 112 e la realizzazione di opere destinate, anche da privati, al perseguimento di tali finalità rappresenta primariamente il soddisfacimento di un interesse pubblico

2004-10-12
51T.A.R. Campania Salerno, Sezione II, ottobre 2004, n. 1903
La sentenza penale ha effetto vincolante nel successivo giudizio civile o amministrativo solo per i fatti accertati nella loro realtà oggettiva e fenomenica, e solo allorché la P.A. interessata abbia preso parte – o sia stata messa in grado di prendere parte – al processo penale al fine di svolgere le proprie difese

2004-10-12
52T.A.R. Campania Salerno, Sezione II, ottobre 2004, n. 1902
Sul rapporto tra area disponibile e volume edificabile

2004-10-12
53T.A.R. Campania Salerno, Sezione II, ottobre 2004, n. 1892
La procedura ingiuntiva ex r.d. 14 aprile 1910 n. 639 è utilizzabile dal Comune anche per riscuotere le somme dovute dal titolare di concessione edilizia per ritardato pagamento degli oneri d'urbanizzazione

2004-10-12
54T.A.R. Campania Salerno, Sezione I, ottobre 2004, n. 1877
Gli atti di concessione mineraria importano un immanente controllo da parte dell’amministrazione concedente relativamente al permanere delle condizioni necessarie al suo mantenimento

2004-10-12
55T.A.R. Lazio Roma, Sezione II bis, ottobre 2004, n. 10327
L’attività di coltivazione di cava non è soggetta ad autorizzazione o a concessione edilizia, non essendo ad essa applicabile la normativa urbanistica

2004-10-12
56T.A.R. Campania Napoli, Sezione I, ottobre 2004, n. 13952
Per antica tradizione, i Comuni sono dotati di una competenza generale in materia di igiene e sanità pubblica; sicché, in mancanza di dati normativi univoci di segno contrario, ad essi e non alle AA.SS.LL. spettano i poteri in materia di disinfezione, disinfestazione e derattizzazione

2004-10-12
57T.A.R. Campania Napoli, Sezione I, ottobre 2004, n. 13585
La reiterazione del vincolo introdotta con una variante al P.R.G. deve essere giustificata dalle esigenze appositamente valutate e specificamente motivate come attuali e persistenti

2004-10-12
58T.A.R. Calabria Catanzaro, Sezione II, ottobre 2004, n. 1844
La presentazione di autonoma istanza di sanatoria ai sensi dell’art. 13 l. n. 47/85 in pendenza di gravame giurisdizionale proposto avverso l’ordinanza di demolizione, o altro provvedimento di natura sanzionatoria, determina l’improcedibilità del ricorso per sopravvenuto difetto di interesse

2004-10-12
59Regione Toscana. Energia, via libera alla proposta di legge regionale
La nuova normativa regionale prevede che le nuove edificazioni e le ristrutturazioni delle unità immobiliari siano progettate e messe in opera in modo da contenere le necessità di consumo di energia nel rispetto dei requisiti minimi fissati dall'Unione europea. I progetti dovranno essere accompagnati da un'attestazione tecnica di rendimento energetico. Si introduce insomma la certificazione energetica degli edifici

2004-10-11
60T.A.R. Toscana, Sezione III, ottobre 2004, n. 4101
La mancata allegazione degli atti richiamati non rende illegittimo il provvedimento motivato “ob relationem”, rilevando piuttosto come mera irregolarità, nel senso di “impedire il decorso del termine per ricorrere”

2004-10-11
61T.A.R. Toscana, Sezione III, ottobre 2004, n. 4088 (Colombati)
Comune di Firenze: sul Piano generale degli impianti pubblicitari, la ripartizione del territorio in tre zone di sensibilità, e sull’individuazione, all’interno della zona più esterna alla Città (Zona 3), delle c.d. “aree di addensamento pubblicitario” entro le quali, sulla base di un progetto unitario, è possibile derogare ai limiti di distanza tra impianti pubblicitari

2004-10-11
62T.A.R. Toscana, Sezione III, ottobre 2004, n. 4068 (Colombati)
L’art. 40 della legge 47/85 consente la commerciabilità del bene anche quando sia stata presentata l’istanza di sanatoria

2004-10-11
63T.A.R. Toscana, Sezione III, ottobre 2004, n. 4084 (Colombati)
Legittimamente il Comune approva il Piano per i pubblici esercizi stabilendo che nelle aree P.I.P. non vale il contingentamento numerico, tenendo conto che dette aree sono collegate lontano da zone residenziali e che gli esercizi pubblici in questione svolgono di norma la loro attività a servizio di coloro che lavorano nelle strutture delle aree produttive

2004-10-11
64T.A.R. Toscana, Sezione III, ottobre 2004, n. 4082 (Colombati)
[A] Sul Comune non grava l’obbligo di corrispondere alla chiesa l’8% degli oneri di urbanizzazione secondaria. [B] Il sistema di finanziamento dell’edilizia di culto è oggi rifluito nel nuovo sistema finanziario di cui all’art. 47 della legge n. 222/85 e cioè nella quota dell’8 per mille dell’imposta sul reddito delle persone fisiche

2004-10-11
65Consiglio di Stato, Sezione IV, ottobre 2004, n. 6400
Sulle eccezionali ipotesi in cui gli strumenti urbanistici generali necessitano di una specifica idonea motivazione a garanzia del principio dell’affidamento del privato

2004-10-11
66Consiglio di Stato, Sezione IV, ottobre 2004, n. 6396
Nel rilasciare il nulla osta di agibilità per spettacoli di arte varia di un locale, che comporta una attività diversa ed aggiuntiva rispetto alla gestione di un night club, l’Amministrazione, anche al fine di garantire la posizione degli artisti, deve verficare i requisiti soggettivi (in particolare, di correttezza e moralità) del titolare della licenza

2004-10-11
67T.A.R. Campania, Sezione Salerno, ottobre 2004, n. 1846
[A] La variante al P.R.G., implicita nell’approvazione del progetto di opera pubblica ex art. 1 L. n. 1/1978, non ha la stessa natura degli atti di programmazione urbanistica e, pertanto, non può essere ricompressa nel novero degli strumenti a difesa dei quali soccorrono le misure di salvaguardia previste dalla L. n. 1902/1952 [B] Non è illegittima l’approvazione del progetto definitivo di opera pubblica in carenza del parere del responsabile di ragioneria

2004-10-11
68T.A.R. Veneto, Sezione II, settembre 2004, n. 3436
Sulla nozione di “edilizia residenziale pubblica" e sui tre diversi significati ad essa riconducibili

2004-10-05
69T.A.R. Veneto, Sezione II, settembre 2004, n. 3434
La dichiarazione dell’estensore del piano non può configurarsi quale “interpretazione autentica” resa in via ufficiosa dal medesimo, ma come un chiarimento di natura professionale

2004-10-05
70T.A.R. Campania Salerno, Sezione II, settembre 2004, n. 1827
L’autorizzazione paesaggistica regionale, rectius comunale, essendo sottoposta al potere di annullamento statale, non può considerarsi efficace prima che siano decorsi 60 giorni dalla data in cui il provvedimento è pervenuto all’Autorità tutoria

2004-10-05
71T.A.R. Lazio Roma, Sezione I Quater, settembre 2004, 9822
In presenza di un’istanza di soggetti titolari di un interesse protetto alla corretta disciplina urbanistico-edilizia di determinate porzioni di territorio, l’Amministrazione deve ritenersi chiamata ad un’attività accertativa

2004-10-05
72T.A.R. Sardegna, Sezione II, settembre 2004, n. 1435
La trasmissione della documentazione comprovante un abuso edilizio al giudice penale, unitamente alla denuncia, è circostanza irrilevante ai fini dell'esercizio del diritto di accesso, previsto dagli art. 22 ss. l. 7 agosto 1990 n. 241

2004-10-05
73T.A.R. Sardegna, Sezione I, settembre 2004, n. 1399
La cognizione della controversie attinenti alla quantificazione dei danni per abusiva occupazione di demanio, esula anche dall’ambito di applicabilità della giurisdizione esclusiva del Giudice amministrativo ex art. 34 D.Lgs. n. 80/1998

2004-10-05
74T.A.R. Sardegna, Sezione I, settembre 2004, n. 1396
La mancata indicazione, nell'atto amministrativo, del termine per proporre l'impugnazione e dell'organo davanti al quale questa deve essere proposta può costituire presupposto per un errore scusabile in sede processuale, sempreché nei singoli casi sia apprezzabile una qualche giustificata incertezza sugli strumenti di tutela utilizzabili da parte del destinatario dell'atto

2004-10-05
75Manuale per operatore di sportello unico
a cura del Dott. Simone Chiarelli e della Dott.ssa Francesca Barucci - aggiornato al 30/8/2004

2004-10-05
76Condono - Toscana - Positivi i commenti delle associazioni ambientaliste
Adnkronos - Generalmente positivi i commenti delle associazioni ambientaliste intervenute, cosi' come della sovrintendenza ai Beni architettonici e paesaggistici di Siena

2004-10-05
77Corte dei Conti, Sezione Centrale, settembre 2004, n. 279
[A] La valutazione della liceità del comportamento tenuto dagli Amministratori deve essere fatta considerando la situazione esistente al momento della scelta operata, anziché i risultati ottenuti con la scelta stessa. [B] Non sono determinanti ai fini dell'esenzione della colpa grave, né l'esito positivo dell'azione di controllo, né i pareri favorevoli ottenuti da altri organi

2004-10-05
78Consiglio di Stato, Sezione IV, settembre 2004, n. 6328
Dall’ambito di giurisdizione esclusiva del giudice amministrativo devono intendersi esclusi i comportamenti della P.A. non collegati all’esercizio di un potere autoritativo, quali, appunto, in tema di occupazione c.d. usurpativa

2004-10-05
79Consiglio di Stato, Sezione Quinta, settembre 2004, n. 6297
Sugli obblighi di accertamento a carico dell’Amministrazione che rilascia concessione edilizia quando si tratti di intervenire su di un bene che non sia di esclusiva proprietà del richiedente

2004-10-05
80Consiglio di Stato, Sezione V, settembre 2004, n. 8277
Il “diritto d’insistenza”, cioè l’interesse del precedente concessionario ad essere preferito rispetto ad altri aspiranti alla concessione, si configura come un limite alla discrezionalità dell'Amministrazione che deve essere espressamente riconosciuto dalla legge o dall'autonomia delle parti

2004-10-05
81T.A.R. Marche, settembre 2004, n. 1503
Sulle differenze tra ristrutturazione edilizia, manutenzione straordinaria e restauro o risanamento conservativo

2004-10-05
82T.A.R. Marche, settembre 2004, n. 1499
E’ tempestivo il ricorso avverso il decreto di occupazione d’urgenza proposto dal proprietario nel caso in cui la notificazione dello stesso sia stata eseguita soltanto nei confronti del familiare comproprietario dei suoli occupati

2004-10-05