Embed RSS
ISSN 2498-9916
Direttore: Avv. Francesco Barchielli
Articoli pubblicati

Articoli di Dicembre 2010

NumeroArticoloData
1Sul regime urbanistico degli "impianti di telefonia"
Dott. Francesco Barchielli. Sul regime urbanistico degli "impianti telefonici" (centrali telefoniche, opere civili, cavedi multiservizi e i cavidotti per il passaggio di reti di telecomunicazionille). Sull'alienabilità e sugli interventi ammissibili sulle centrali telefoniche dismesse ricadenti in zona agricola alla luce della normativa nazionale e della legge regionale toscana

2010-12-26
2Istallazione di impianti fotovoltaici in zona agricola
Dott. Francesco Barchielli. Disamina in merito alla possibilità di installare impianti fotovoltaici in zona agricola laddove non sussistano contrarie disposizioni contenute negli strumenti urbanistici locali. Analisi alla luce del D.lgs 387 del 2003 e della normativa regionale toscana

2010-12-26
3T.A.R. Lazio Roma, Sezione I Quater, dicembre 2010
Sulla realizzazione di un deposito attrezzi con dimensioni di ml. 4 x ml. 4 con altezza variabile da ml. 2,00/2,70

2010-12-26
4T.A.R. Lazio Roma, Sezione I Quater, dicembre 2010
Sul fatto che la Polizia Municipale svolga anche compiti di Polizia Giudiziaria e sull'esercizio del diritto di accesso, previsto dagli art. 22 ss., l. 7 agosto 1990 n. 241, relativamente ad atti trasmessi al giudice penale

2010-12-26
5T.A.R. Lazio Roma, Sezione II Quater, dicembre 2010
Sulla corretta interpretazione del comma 3 dell’art. 138 del Codice dei Beni Culturali che dopo aver disciplinato il funzionamento delle commissioni regionali appositamente istituite per formulare proposte per la dichiarazione di notevole interesse pubblico degli immobili indicati alle lettere a) e b) del comma 1 dell'articolo 136 e delle aree indicate alle lettere c) e d) del comma 1 del medesimo articolo 136, al comma 3 stabilisce che “E' fatto salvo il potere del Ministero, su proposta motivata del soprintendente, previo parere della regione interessata che deve essere motivatamente espresso entro e non oltre trenta giorni dalla richiesta, di dichiarare il notevole interesse pubblico degli immobili e delle aree di cui all'articolo 136

2010-12-26
6T.A.R. Campania Napoli, Sezione V, dicembre 2010
[A] Anche dopo la scadenza del piano debbono continuare ad osservarsi le prescrizioni di zona previste dal piano scaduto. [B] Sugli effetti della decadenza del piano che ha comunque avuto attuazione con la realizzazione di strade, piazze ed altre opere di urbanizzazione

2010-12-26
7T.A.R. Campania Napoli, Sezione VIII, dicembre 2010
Sulla decadenza del vincolo, sulle “zone bianche” e sulla riespansione o meno dello “ius aedificandi” insito nel diritto di proprietà

2010-12-26
8T.A.R. Campania Napoli, Sezione VIII, dicembre 2010
Sull’annullamento d’ufficio di una concessione edilizia rilasciata in contrasto con i vincoli paesaggistici gravanti sulla zona

2010-12-26
9T.A.R. Campania Napoli, Sezione VIII, dicembre 2010
Sulle circolari della Presidenza del Consiglio dei Ministri n. 3763 del 20 aprile 1982 e del 24 giugno 1982 (c.d. circolari Spadolini) secondo le quali ”tutti i progetti di opere pubbliche, nella stessa fase preliminare della localizzazione, dovranno essere preventivamente sottoposti all'esame di competenza dell'amministrazione dei beni culturali e ambientali"

2010-12-26
10T.A.R. Campania Napoli, Sezione VIII, dicembre 2010
Sul dies a quo di decorrenza del termine di impugnazione dei provvedimenti di condono da parte di terzi

2010-12-26
11Consiglio di Stato, Sezione VI, dicembre 2010
Sull'art. 41 sexies l. 17 agosto 1942 n. 1150, introdotto dall'art. 18 l. 6 agosto 1967 n. 765, che stabilisce la riserva nelle nuove costruzioni di appositi spazi per parcheggi

2010-12-26
12Consiglio di Stato, Sezione VI, dicembre 2010
Sulla diversa decorrenza del termine di impugnazione per quanto riguarda in permesso di costruire “ordinario” rispetto al permesso di costruire “in sanatoria”

2010-12-26
13Consiglio di Stato, Sezione V, dicembre 2010
L’appartenenza di una strada ad un ente pubblico territoriale può essere desunta da una serie di elementi presuntivi aventi i requisiti di gravità, precisione e concordanza

2010-12-26
14T.A.R. Lombardia Milano, Sezione II, dicembre 2010
La destinazione di un'area a zona agricola ben può essere disposta a salvaguardia del paesaggio o dell'ambiente

2010-12-26
15T.A.R. Lombardia Milano, Sezione II, dicembre 2010
Sono soggetti alla disciplina delle distanze tutti gli interventi edilizi, ancorché definiti come “ristrutturazione”, che comportino l’ampliamento di edifici “all’esterno della sagoma esistente”

2010-12-26
16T.A.R. Lombardia Milano, Sezione IV, dicembre 2010
Sulla nozione di veranda per la giurisprudenza amministrativa e penale

2010-12-26
17T.A.R. Lombardia Brescia, Sezione I, dicembre 2010
Sulla tecnica di vietare - per le zone che hanno una destinazione speciale - tutte le destinazioni diverse e sulla differenza rispetto alla tecnica che comporta la definizione in dettaglio delle destinazioni ammesse in aree specifiche

2010-12-26
18T.A.R. Lombardia Brescia, Sezione I, dicembre 2010
Sulla norma contenuta nel regolamento locale in virtù della quale possono essere ricostruiti edifici crollati "aventi testimonianza di esistenza catastale o comunque esattamente identificabili all'interno di atti notarili"

2010-12-26
19T.A.R. Lombardia Brescia, Sezione II, dicembre 2010
La c.d. "autorizzazione" all'occupazione di una porzione di suolo pubblico si configura come un provvedimento amministrativo espressione di un potere pubblicistico ampiamente discrezionale

2010-12-26
20T.A.R. Lazio Latina, Sezione I, dicembre 2010
Sugli atti vincolati, quale il rilascio-diniego del permesso di costruire, e sulla possibilità o meno di ravvisare un eccesso di potere per disparità di trattamento

2010-12-26
21T.A.R. Molise, Sezione I, dicembre 2010
Sulla possibilità o meno di qualificare come pertinenze i porticati

2010-12-26
22T.A.R. Umbria, Sezione I, dicembre 2010
Sul caso di una cava a cielo aperto e sulle acque da dilavamento del piazzale dove avviene la frantumazione, lo stoccaggio, il caricamento ed il trasporto del materiale estrattivo

2010-12-26
23T.A.R. Umbria, Sezione I, dicembre 2010
[A] Ai sensi dell’articolo 3, della l.r. Umbria 1/2004, l’ordinanza di sospensione dei lavori costituisce comunicazione dell’avvio del procedimento sanzionatorio. [B] La mera prolungata esistenza dell’abuso non è sufficiente a far nascere in capo al privato alcun affidamento tutelabile

2010-12-26
24T.A.R. Emilia Romagna Parma, Sezione I, dicembre 2010
Ai fini della legittimazione a ricorrere non rileva tanto il grado di effettiva rappresentatività dell’associazione quanto il fatto che la stessa sia effettivamente operante a tutela di interessi categoriali

2010-12-26
25T.R.G.A. Trento, dicembre 2010
Sulla legge 30.12.2004 n. 311, cosiddetta finanziaria per il 2005, la quale al comma 346 dell’art. 1 ha stabilito che “i contratti di locazione, o che comunque costituiscono diritti relativi di godimento, di unità immobiliari ovvero di loro porzioni, comunque stipulati, sono nulli se, ricorrendone i presupposti, non sono registrati

2010-12-26
26T.A.R. Friuli Venezia Giulia, dicembre 2010
L’azienda che svolge allevamento intensivo di suini ha carattere industriale e non può essere considerata riconducibile all’attività di imprenditore agricolo a titolo professionale, con conseguente legittimità della richiesta degli oneri concessori

2010-12-21
27T.A.R. Friuli Venezia Giulia, dicembre 2010
E’ necessario il preavviso di diniego anche nel caso in cui sull’istanza si debba pronunciare il Consiglio comunale

2010-12-21
28Consiglio di Stato, Sezione IV, dicembre 2010
Sulla legittimità o meno delle condizioni, sia sospensive che risolutive, al permesso di costruire

2010-12-19
29T.A.R. Campania Napoli, Sezione II, dicembre 2010
Sull’immobile edificato prima dell’imposizione del vincolo di rispetto cimiteriale

2010-12-19
30T.A.R. Campania Napoli, Sezione VII, dicembre 2010
Sulla decorrenza del termine di prescrizione per gli illeciti in materia paesistica ed urbanistico-edilizia puniti con la sanzione pecuniaria prevista dall'art. 15 della l. 29 giugno 1939 n. 1497

2010-12-19
31T.A.R. Sicilia Palermo, Sezione III, dicembre 2010
Pur essendo venuto meno l’istituto della c.d. acquisizione sanante ex art. 43 del D.P.R. 327 del 2001, ritiene il Collegio di mantenere fermo il proprio precedente orientamento secondo il quale il trasferimento del diritto di proprietà in capo alla P.A. non è effetto della rinuncia al diritto di proprietà esplicitamente o implicitamente connessa alla domanda di risarcimento del danno per equivalente

2010-12-19
32T.A.R. Campania Salerno, Sezione II, dicembre 2010
A partire dalla legislazione nazionale, contenuta nel D.lgs. n. 114/1998, ad arrivare alla l.r. Campania n. 1/2000, appare evidente la volontà del legislatore di assegnare allo strumento - comunque definito - con il quale si individuano le aree da destinare ad insediamenti commerciali, una funzione esaustiva di ogni esigenza, sia di carattere commerciale, sia di carattere urbanistico

2010-12-19
33T.A.R. Liguria, Sezione I, dicembre 2010
[A] Sulla fuoriuscita di pilastri di cemento da un soletta regolarmente edificata e sulla possibilità o meno che ciò possa considerarsi volume edilizio. [B] Sulla nozione fisica di veranda aperta su due lati

2010-12-19
34T.A.R. Lombardia Milano, Sezione II, dicembre 2010
Le misure di salvaguardia devono ritenersi operative sin dal momento in cui l’organo deliberativo dell’ente locale ha manifestato la propria volontà sull’adozione del piano, quand’anche la relativa deliberazione non sia ancora esecutiva

2010-12-19
35T.A.R. Lombardia Milano, Sezione II, dicembre 2010
Tanto maggiore è il lasso di tempo trascorso tra l'avvio dell'attività e l'esercizio del potere di autotutela, maggiore deve, dunque, essere il grado di motivazione sulle ragioni di pubblico interesse

2010-12-19
36T.A.R. Lombardia Milano, Sezione IV, dicembre 2010
Sulla mappa delle zone soggette a limitazioni, redatta da parte del Ministero della difesa ai sensi degli artt. 715 ter e quater per determinare le varie fasce in cui si articola la zona di rispetto aeroportuale

2010-12-19
37T.A.R. Lombardia Milano, Sezione II, dicembre 2010
Sullo spatium deliberandi dei trenta giorni dalla presentazione della denuncia di inizio attività e sulle eventuali modifiche normative intervenute quanto il procedimento non è ancora perfezionato e la DIA non può produrre effetti

2010-12-19
38T.A.R. Lombardia Milano, Sezione II, dicembre 2010
Sull’edificazione di un locale ristorante attuata mediante la chiusura di un porticato preesistente

2010-12-19
39T.A.R. Lombardia Milano, Sezione II, dicembre 2010
Sullo scomputo degli oneri di urbanizzazione dovuti dei costi sostenuti per l’esecuzione diretta delle opere di urbanizzazione e sulla possibilità o meno per la parte promettente di assumere impegni patrimoniali più onerosi rispetto a quelli astrattamente previsti dalla legge

2010-12-19
40T.A.R. Toscana, Sezione I, dicembre 2010
[A] Deve essere esclusa la legittimazione ad agire dei comitati istituiti in forma associativa temporanea. [B] Il venir meno dell’efficacia di un piano urbanistico gravato da ricorso determina la caducazione della convenzione urbanistica

2010-12-19
41T.A.R. Veneto, Sezione II, dicembre 2010
Sui casi in cui non può parlarsi di pertinenza nel caso di una tettoia, sia pure addossata all’edificio principale

2010-12-19
42T.A.R. Veneto, Sezione II, dicembre 2010
Sull’annullamento del titolo edilizio ex art. 98 l.r. Veneto n. 61/85, che l’organo competente può esercitare entro 10 anni dall’esecutività del provvedimento, ora ripreso, con portata generale, estesa all’intero territorio nazionale, dall’art. 38 del T.U. sull’edilizia

2010-12-19
43T.A.R. Veneto, Sezione II, dicembre 2010
Sulla giurisprudenza riguardo alla decadenza del titolo edilizio per l’inutile decorso del termine

2010-12-19
44T.A.R. Veneto, Sezione II, dicembre 2010
Poiché il privato ha dieci anni di tempo per l'esecuzione delle opere previste in convenzione, solo dalla scadenza della convenzione medesima è possibile verificare se le opere siano state o meno eseguite

2010-12-19
45T.A.R. Sicilia Catania, Sezione I, dicembre 2010
[A] Sulla nozione di “lotto intercluso” ai fini urbanistici. [B] Sui casi in cui la completa urbanizzazione del sito rende inutile il piano di lottizzazione

2010-12-19
46T.A.R. Piemonte, Sezione I, dicembre 2010
Sul rispetto della distanza di dieci metri tra pareti finestrate, ex art. 9, comma 1 n. 2 del D.M. 02.04.1968 n. 1444, e sulla rilevanza o meno delle luci

2010-12-19
47T.A.R. Puglia Bari, Sezione III, dicembre 2010
L’esibizione procedimentale di un atto notarile comprovante il diritto di proprietà dell’interessato esime l’Autorità comunale dall’ingerirsi in questioni meramente privatistiche

2010-12-19
48T.A.R. Puglia Bari, Sezione III, dicembre 2010
Sul risarcimento del danno da occupazione illegittima dopo la recente dichiarazione di incostituzionalità della c.d. “acquisizione sanante” di cui all’art 43 D.P.R. 327/2001 - Corte Cost. 8 ottobre 2010 n. 293

2010-12-19
49T.A.R. Calabria Catanzaro, Sezione II, dicembre 2010
Ai fini della qualificazione di una costruzione, rilevano le caratteristiche oggettive della stessa, prescindendosi dall'intento dichiarato dal privato di voler destinare l'opera ad utilizzazioni più ristrette

2010-12-19
50Corte Costituzionale, novembre 2010
[A] E’ illegittimo l’art. 10, comma 2, della legge regionale toscana n. 71 del 2009, che sostituendo l’art. 16, comma 3, lettera f) della legge regionale n. 39 del 2005, ha innalzato le soglie per le quali i principi della legislazione statale ammettono la denuncia di inizio attività (DIA), per gli impianti eolici da 60 a 100 chilowatt (lettera f, n. 1) e per i fotovoltaici da 20 a 200 chilowatt (lettera f, n. 2). [B] E’ illegittimo l’art. 11, comma 4, della legge regionale n. 71 del 2009 laddove introduce l’ammissibilità di un regime deregolamentato, ove responsabili degli interventi siano la Regione e gli enti locali

2010-12-18
51Regione Toscana. Energia solare, stop ai maxi-impianti
Paesaggio e agricoltura a rischio, la giunta toscana vara il blocco

2010-12-18
52Corte d’Appello di Firenze, Sezione I, novembre 2010
Il diritto di pretendere la potatura dei rami degli alberi del vicino che si protendono sulla proprietà altrui, così come disciplinata dall'art. 896 cod. civ., non è limitato dalle norme pubblicistiche a tutela del paesaggio ed, in particolare, dal vincolo posto dall'art. 146 del d.lgs. n. 490 del 1999 e ciò anche per un cipresso inserito nell’elenco Regionale degli alberi monumentali

2010-12-14
53Corte di Cassazione, Sezione III Penale, ottobre 2010
Sull'acquisizione gratuita dell'opera abusiva al patrimonio disponibile del Comune, sull'ordine di demolizione emesso dal giudice penale e sulla possibilità di non ottemperare a questo ordine se il Consiglio comunale abbia già ravvisato (ovvero sia sul punto di deliberare) l'esistenza di prevalenti interessi pubblici al mantenimento delle opere abusive

2010-12-14
54Corte di Cassazione, Sezione III Penale, ottobre 2010
Nel caso di accertata difformità del permesso di costruire rilasciato rispetto a disposizioni legislative o regolamentari, non si configura una non consentita "disapplicazione" dell’atto amministrativo riconducibile alla L. 20 marzo 1865, n. 2248, art. 5, allegato E), da parte del giudice penale, in quanto lo stesso giudice deve invece verificare l'integrazione o meno della fattispecie penale

2010-12-14
55Corte di Cassazione, Sezione III, ottobre 2010
Secondo la giurisprudenza di questa Corte gli inerti provenienti da demolizioni e costruzioni non sono assimilabili alle terre e rocce da scavo

2010-12-14
56Corte di Cassazione, Sezione III Penale, ottobre 2010
Sul posizionamento stabile di roulotte e di case mobili prefabbricate, di verande e di pergolati, con migliorie degli impianti idrici ed elettrici, con pavimentazioni e piastrellamenti vari, sino ad arrivare alla attuale definitiva trasformazione urbanistica dell'intera area

2010-12-14
57Corte di Cassazione, Sezione III Penale, ottobre 2010
[A] Il reato ambientale ha natura di reato formale di pericolo che si consuma con la sola realizzazione di lavori. [B] Sulla sussistenza o meno del reato paesaggistico in caso di opere esclusivamente interne non percepibili dall'esterno, o di opere minime (contatore dell'elettricità sul muro di un fabbricato), o di costruzione in muratura all'interno di un preesistente capannone, o di un garage completamente interrato

2010-12-14
58Corte di Cassazione, Sezione III Penale, ottobre 2010
La permanenza del reato di cui agli artt. 54 e 1161 del codice della navigazione si protrae anche dopo l'ultimazione delle opere nei confronti dei soggetti che continuano ad occupare ed utilizzare le opere abusive

2010-12-14
59Corte di Cassazione, Sezione III Penale, ottobre 2010
[A] Sui casi in cui la responsabilità penale per la costruzione edilizia può essere attribuita al proprietario dell’area. [B] Sulla violazione dei sigilli e sulla responsabilità per il custode. [C] Il giudice, nella sentenza di condanna, può subordinare il beneficio della sospensione condizionale della pena alla demolizione dell'opera abusiva

2010-12-14
60Corte di Cassazione, Sezione V Penale, ottobre 2010
Sulla responsabilità di colui che, in qualità di tecnico professionista assevera - nella dichiarazione inizio di attività (D.I.A.), in maniera difforme dal reale, lo stato dei luoghi in cui si sarebbero successivamente svolte le modifiche di un immobile

2010-12-14
61Corte di Cassazione, Sezione I, novembre 2010
Le norme sulle distanze legali da osservare "Per i tubi d'acqua pura o lurida, per quelli di gas e simili e loro diramazioni" disciplinano i rapporti, tra fondi privati contigui e non trovano applicazione quando si tratti di manufatti realizzati su area di proprietà demaniale

2010-12-13
62Corte di Cassazione, Sezione II, novembre 2010
La distanza delle pareti finestrate fra costruzioni frontestanti deve essere calcolata dai punti di massima sporgenza, ivi compresi i balconi e le terrazze

2010-12-13
63Corte di Cassazione, Sezione II, ottobre 2010
Le prescrizioni contenute nei piani di recupero formati ai sensi della L. 5 agosto 1978, n. 457, art. 28, per la rimozione dello stato di degrado del patrimonio edilizio comunale, sono soggette all'osservanza delle disposizioni del piano regolatore generale quali norme di grado superiore

2010-12-13
64Cassazione Civile, Sezione II, ottobre 2010
Sui casi in cui le scale, i ballatoi e le porte possono configurare una veduta

2010-12-13
65T.A.R. Liguria, Sezione I, novembre 2010
Per legittimare il ricorso da parte delle associazioni ambientaliste i profili di gravame devono essere attinenti alla sfera di interesse (ambientale) dell'associazione ricorrente e non è quindi configurabile la proposizione di motivi aventi una diretta valenza urbanistico-edilizia

2010-12-11
66Consiglio di Stato, Sezione I, novembre 2010
Sul caso in cui l'amministrazione, a fronte di una domanda di condono edilizio incompleta, richieda all'interessato l'integrazione della documentazione e quest'ultimo non la produca nel termine assegnatogli

2010-12-11
67Consiglio di Stato, Sezione IV, novembre 2010
Sulla funzione dei piani integrati di intervento

2010-12-11
68T.A.R. Sicilia Palermo, Sezione III, novembre 2010
Sull'inclusione negli elenchi delle strade pubbliche e sulla presunzione di cui all'articolo 16, lett. b), L. n. 2248/1865, all. F, in base alla quale si presumono comunali le strade site all'interno dei centri abitati

2010-12-11
69T.A.R. Sicilia Palermo, Sezione II, novembre 2010
Sulla salvaguardia dell'area di rispetto cimiteriale di 200 metri prevista dall'art. 338 del R.D. 1265/1934

2010-12-11
70Consiglio di Stato, Sezione IV, novembre 2010
Sui principi che governano l’esercizio del potere di auto annullamento dei titoli edilizi

2010-12-11
71Consiglio di Stato, Sezione IV, novembre 2010
[A] L'autorizzazione paesaggistica costituisce atto autonomo e presupposto rispetto al permesso di costruire. [B] Il muro di contenimento, quale entità corrispondente senza alcuna variazione al dislivello naturale dei fondi, non può essere preso in considerazione nel calcolo dell'altezza della costruzione, da misurarsi dal piano di campagna al fine di determinarne la distanza da osservare rispetto alle costruzioni del vicino. [C] L'incremento dell'altezza e del volume di un fabbricato, dovuta all'emersione fuori terra di volumi tecnici o di cubature accessorie, a seguito di una diversa ubicazione dell'edificio sul lotto, rispetto a quella in precedenza assentita. [D] Si verifica la difformità totale di un manufatto solo allorché i lavori riguardino un'opera diversa da quella prevista dall'atto di concessione

2010-12-11
72T.A.R. Lombardia Milano, Sezione II, novembre 2010
La fissazione, in via generale, degli oneri di urbanizzazione appare riconducibile senza dubbio alla competenza del Consiglio comunale

2010-12-11
73T.A.R. Toscana, Sezione III, novembre 2010
Il piano strutturale previsto dalla legge regionale toscana è atto di pianificazione generale con prevalenti funzioni di indirizzo e di programma (cfr. art. 24 L.R. n. 5 del 1995 indi art. 53 L.R. n.1 del 2005) e dunque caratterizzato nella sua formazione da un alto tasso di discrezionalità amministrativa

2010-12-11
74T.A.R. Toscana, Sezione III, novembre 2010
L’iscrizione di una strada nell’elenco delle vie vicinali costituisce elemento presuntivo della sussistenza del diritto di pubblico transito superabile in senso contrario solo in sede di giurisdizione ordinaria

2010-12-11
75T.A.R. Toscana, Sezione III, ottobre 2010
Sull’art. 138 della legge regionale toscana n. 1/2005 che disciplina l’annullamento del permesso di costruire e sui casi in cui l’amministrazione deve applicare la sanzione pecuniaria in luogo dell’ordine di restituzione in pristino

2010-12-11
76T.A.R. Toscana, Sezione III, novembre 2010
[A] Sul più recente orientamento giurisprudenziale riguardo alla natura della D.I.A. [B] Sull’art. 84, comma 7, della legge regionale toscana n. 1/05 e sulla necessità o meno che una volta superato il termine di venti giorni dalla DIA la repressione dell’attività edilizia contrastante con la normativa debba sottostare all’esercizio dell’autotutela

2010-12-11
77T.A.R. Toscana, Sezione III, novembre 2010
Sul diniego di concessione in sanatoria fondato su un generico contrasto dell’opera con leggi o regolamenti in materia edilizia

2010-12-11
78T.A.R. Toscana, Sezione III, novembre 2010
Sui presupposti dell’ordine di demolizione qualora per il lungo lasso di tempo trascorso dalla commissione dell'abuso e il protrarsi della inerzia dell'amministrazione preposta alla vigilanza, si sia ingenerata una posizione di affidamento nel privato

2010-12-11
79T.A.R. Toscana, Sezione III, novembre 2010
La costruzione dei una tettoia non può essere qualificata come intervento di ristrutturazione

2010-12-11
80T.A.R. Toscana, Sezione III, novembre 2010
Una trasformazione edilizia, con cui viene attuato, con o senza opere, un mutamento di destinazione d’uso, non può in nessun caso essere ricompresa nella tipologia 7 della tabella allegata alla legge 47/1985

2010-12-11
81T.A.R. Toscana, Sezione III, ottobre 2010
[A] Sul frazionamento delle Residenze Turistico Alberghiere. [B] Sui proprietari di singole unità immobiliari di una RTA che hanno costituito una società il cui oggetto, dichiarato negli atti notarili, è: “la gestione di alberghi, immobili ad uso residenziale e turistico, strutture ricettive per il turismo, ristoranti, pizzerie, bar, pubblici esercizi in genere

2010-12-11
82T.A.R. Sicilia Catania, Sezione I, novembre 2010
Sulla computabilità del volume e del carico urbanistico nel caso di opere interrate

2010-12-11
83T.A.R. Sicilia Catania, Sezione I, novembre 2010
[A] L'attività di coltivazione di una cava non è soggetta ad autorizzazione o a concessione edilizia. [B] Sulle opere realizzate all'interno dell'area di coltivazione della cava che si pongano in un rapporto di destinazione strumentale allo svolgimento della stessa attività, ma che consistono nelle realizzazioni di manufatti dotati di propria volumetria

2010-12-11
84T.A.R. Puglia Bari, Sezione II, novembre 2010
[A] Sulla “civilizzazione” del processo amministrativo contenuta nel nuovo codice del processo amministrativo. [B] Nel caso in cui l’abuso riguardi solo una parte dell’edificio l’acquisizione gratuita si verifica nei limiti delle parti abusive

2010-12-11
85T.A.R. Puglia Bari, Sezione II, novembre 2010
Sulla possibilità o meno di qualificare come volume tecnico un bagno realizzato per adeguare l’immobile alle prescrizioni igienico sanitarie

2010-12-11
86T.A.R. Calabria Catanzaro, Sezione II, novembre 2010
Sulla legittimità o meno del potere di autotutela esercitato dall’amministrazione dopo due anni dal rilascio del titolo autorizzatorio, mentre i lavori di ristrutturazione dell’immobile erano ancora in corso

2010-12-11
87T.A.R. Puglia Lecce, Sezione III, novembre 2010
Sulla realizzazione di un muro di confine sulla viabilità di altezza pari a ml 1,00

2010-12-11
88T.A.R. Emilia Romagna Parma, Sezione I, novembre 2010
Sull’occupazione di area collegata all’uso di una piscina attraverso il frazionamento annuale delle operazioni di montaggio e smontaggio della struttura di copertura o di altre strutture funzionalmente connesse

2010-12-07
89T.A.R. Campania Napoli, Sezione IV, novembre 2010
Sulla tettoia realizzata sul terrazzo di un fabbricato

2010-12-06
90T.A.R. Sicilia Palermo, Sezione III, novembre 2010
L'ampliamento di vano-finestra non rientra nell'ambito degli interventi di manutenzione straordinaria, né di restauro o risanamento conservativo

2010-12-06
91T.A.R. Campania Salerno, Sezione II, novembre 2010
La mancata adozione del “Piano della Costa” non osta al rilascio del titolo per la semplice posa in opera di ombrelloni e sdraio

2010-12-06
92T.A.R. Liguria, Sezione I, novembre 2010
Sulla realizzazione di un locale sottotetto mediante vani distinti e comunicanti con il piano sottostante tramite una scala interna e sulla dichiarazione del proprietario recante l’impegno a non destinarlo ad abitazione

2010-12-06
93T.A.R. Liguria, Sezione I, novembre 2010
Sull’intervento di manutenzione straordinaria eseguito su un immobile in pendenza dell’istanza di condono edilizio

2010-12-06
94T.A.R. Liguria, Sezione I, novembre 2010
Anche in presenza di dichiarazione sostitutiva di atto notorio presentata dall'interessato, l'amministrazione può legittimamente respingere la domanda di condono

2010-12-06
95T.A.R. Veneto, Sezione II, novembre 2010
La disciplina sulla formazione degli strumenti urbanistici pertiene al governo del territorio e pertanto, il superamento dei termini del procedimento, consente di richiedere la nomina d’un commissario ad acta

2010-12-06
96T.A.R. Lombardia Brescia, Sezione I, novembre 2010
Sulla modifica del piano di campagna dell’edificio preesistente e sulla compatibilità o meno con la ristrutturazione mediante demolizione e ricostruzione

2010-12-06
97T.A.R. Lombardia Brescia, Sezione I, novembre 2010
Sulla qualificazione edilizia dell’opera consistente nella realizzazione di un berceau

2010-12-06
98T.A.R. Puglia Bari, Sezione I, novembre 2010
La valutazione d’impatto ambientale non costituisce un mero giudizio tecnico, suscettibile in quanto tale di verificazione sulla base di oggettivi criteri di misurazione, ma presenta al contempo profili particolarmente intensi di discrezionalità amministrativa

2010-12-06
99T.A.R. Calabria Catanzaro, Sezione I, novembre 2010
Le autorimesse edificate fuori terra non rientrano nell'ambito di operatività dell'art. 9 l. 24 marzo 1989 n. 122

2010-12-06
100T.A.R. Calabria Catanzaro, Sezione I, novembre 2010
L'area sita in fascia di rispetto, sebbene inedificabile, esprime una volumetria concentrabile sulle aree adiacenti esterne a detta fascia

2010-12-06
101T.A.R. Puglia Lecce, Sezione I, novembre 2010
Sul manufatto di non rilevante entità privo di ancoraggio al suolo ed asservito a copertura degli agenti atmosferici durante il periodo estivo

2010-12-06
102T.A.R. Sardegna, Sezione II, novembre 2010
Sulla richiesta di versamento degli oneri di costruzione rivolta ai soggetti acquirenti delle opere realizzate in forza dell’autorizzazione edilizia

2010-12-06
103T.A.R. Abruzzo Pescara, Sezione I, novembre 2010
Sulle caratteristiche che deve possedere la “pertinenza urbanistica”

2010-12-06
104T.A.R. Abruzzo Pescara, Sezione I, novembre 2010
La notificazione degli atti relativi ad un procedimento espropriativo solo ad alcuni comproprietari dei suoli interessati dai lavori non costituisce elemento idoneo di per sé a provare la piena conoscenza degli atti da parte degli altri comproprietari

2010-12-06
105T.A.R. Abruzzo Pescara, Sezione I, novembre 2010
[A] Sulla sussistenza o meno della competenza dei geometri a progettare due edifici costituiti da dieci appartamenti. [B] Prima del rilascio di un titolo edilizio, l’autorità comunale deve sempre anche accertare se la progettazione sia stata affidata ad un professionista competente in relazione alla natura ed importanza della costruzione

2010-12-06
106T.A.R. Valle D’Aosta, novembre 2010
Sugli adempimenti a carico del Comune qualora alcuni condomini si oppongano all’installazione da parte di un altro condomino di una canna fumaria aderente alla parete di proprietà comune

2010-12-06
107Corte di Cassazione, Sezione II, settembre 2010
[A] Ove sopravvenga una nuova regolamentazione in materia di distanze, le nuove costruzioni devono ad essa adeguarsi, anche se l'autorizzazione a costruire è stata legittimata sulla base della previgente normativa. [B] Sulla nozione tecnica degli edifici c.d. “a cortina”

2010-12-04
108T.A.R. Lazio Roma, Sezione II, novembre 2010
Sulla possibilità o meno di rilasciare il permesso di costruire per la realizzazione di un fabbricato in zona agricola anche se il richiedente non è un imprenditore agricolo

2010-12-04
109Corte di Cassazione, Sezione I, ottobre 2010
Sull'imposizione sul fondo di un terzo di una servitù di elettrodotto e sulla possibilità o meno di sommare all'indennità di asservimento ex all'art. 123 del R.D. 11 novembre 1933 n. 1775, recante il “Testo unico delle disposizioni di legge sulle acque e gli impianti elettrici”, anche un indennizzo per la perdita di valore quale conseguenza dei campi magnetici prodotti dall'elettrodotto

2010-12-04
110Corte di Cassazione, Sezione Penale III, novembre 2010
Il rilascio del permesso in sanatoria non determina automaticamente la revoca dell'ordine di demolizione o di riduzione in pristino emesso dal giudice penale

2010-12-04
111Corte di Cassazione, Sezione III Penale, novembre 2010
Sulla trasformazione di un sentiero in una strada accessibile alle auto, larga mediamente m. 3,35 e lunga m. 230 e sulla necessità o meno del permesso di costruire

2010-12-04
112Corte di Cassazione, Sezione V, agosto 2010
Se il Comune non ha emanato il regolamento previsto dal dal D.Lgs. n. 446 del 1997 per determinare i valori venali delle aree fabbricabili, il cittadino può effettuare una mera previsione e qualora in seguito all'accertamento operato dall'ente questa si riveli infondata non potrà essergli applicata alcuna sanzione

2010-12-04