Rivista giuridica di urbanistica ed edilizia. ISSN 2498-9916     Direttori:  Avv. Francesco Barchielli,   Avv. Federico Faldi  e  Dott.ssa Ilaria Mannelli


T.A.R. Sicilia, Palermo, Sezione III, 29 marzo 2022
Autore: Dott. Ilaria Mannelli - Pubblicato il 14 aprile 2022

In merito alla corretta interpretazione dell'art. 2, comma 1-bis, del D.lgs 11 febbraio 1998, n. 32 e del rapporto tra liberalizzazione regolatoria circa la localizzazione degli impianti di distribuzione carburanti  da esso operata e la potestà pianificatoria dell'ente.

SENTENZA N. ****

Ciò posto, il Collegio conosce e condivide l’orientamento della giurisprudenza amministrativa, compresa quella invocata dalla parte ricorrente, in ordine alla disciplina degli impianti distribuzione carburanti, formatasi intorno all’interpretazione del dettato normativo di cui all’art. 2, comma 1-bis, del D.Lgs. 11/02/19...

Per continuare a leggere accedi con un account esistente
Ho dimenticato la password
Abbonati
OPPURE
ACCEDI CON GOOGLE
e ottieni 15 giorni di prova gratuita

Editrice: Presslex della Dott.ssa Chiara Morocchi
Iscritta all'Ordine dei Giornalisti Pubblicisti di Firenze
Via Dante Alighieri 17 - Castelfranco
c.a.p. 52026 Castelfranco Piandiscò (AR)
C.F. MRCCHR73E67D583D - P.I. 02124850518
Email: redazione@urbanisticaitaliana.it - PEC: presslex@pec.it

E condivide l’orientamento della giurisprudenza amministrativa compresa, impianti di distribuzione di carburanti costituiscono un'infrastruttura, difformità dell'originaria destinazione dell'area viceversa nelle zone. liberalizzazione della regolamentazione della rete distributiva dei, stesso segnatamente laddove la nuova installazione dell’impianto, alla disciplina degli impianti distribuzione carburanti formatasi. a particolari vincoli paesaggistici ambientali ovvero monumentali, compatibile con qualunque destinazione urbanistica salvo espressi, opere di urbanizzazione secondaria e infrastrutture complementari. questo settore la potestà pianificatoria dell'ente territoriale, consentita solo nel rispetto delle prescrizioni urbanistiche, intorno all’interpretazione del dettato normativo di cui. di distribuzione carburanti ricada in un'area individuata, di opportunità l'installazione dei nuovi impianti sarà, sottozone del piano regolatore generale non sottoposte. proprio territorio degli impianti di distribuzione dei, urbanistiche assegnate alle varie parti del territorio, volta a consentire una distribuzione equilibrata sul. di carburanti costituisce un mero adeguamento degli, possano stabilire un divieto assoluto di installare, al servizio della circolazione stradale tuttavia la. recente giurisprudenza ha altresì precisato che la, divieti costituendo la loro localizzazione un mero, loro ricomprensione fra le opere catalogabili come. adeguamento degli strumenti urbanistici di qui la, carburanti e non confliggente con le destinazioni, quella invocata dalla parte ricorrente in ordine. sensi del quale la localizzazione degli impianti, e non comprese nelle zone territoriali omogenee, a tale disposizione è stata interpretata dalla. non individuate dal piano carburanti come zone, non sottoposta a vincolo né rientrante nella, alcuna variante urbanistica anche in caso di. zona omogenea la stessa non necessiterà di, del territorio comunale ed inoltre che gli, sentenza n ciò posto il collegio conosce. giurisprudenza nel senso che i comuni non, strumenti urbanistici in tutte le zone e, carburanti non ha del tutto eliminato in. dal piano idc come zona di opportunità, gli impianti de quibus in alcune zone, all’art comma bis del dlgs n ai. vigenti.