Rivista giuridica di urbanistica ed edilizia. ISSN 2498-9916     Direttori:  Avv. Francesco Barchielli,   Avv. Federico Faldi  e  Dott.ssa Ilaria Mannelli


T.A.R. Puglia, Bari, Sezione III, 12 febbraio 2015
Autore: Dott. Ilaria Mannelli - Pubblicato il 19 giugno 2022
...

Per vedere questo video è necessario abilitare i cookie di profilazione. Puoi modificare le tue scelte tramite il pulsante
PREFERENZE

In merito alla facoltà per la P.A. di valutare l'affidabilità e serietà della compagnia assicuratrice che ha rilasciato polizza fideiussoria a garanzia degli impegni assunti con convenzione urbanistica, esecutiva di un Piano di edilizia economica popolare (sulla polizza assicurativa rumena)

SENTENZA N. 225

1. Quanto poi, alle assicurazioni rumene, ritiene il Collegio che la palese evidenza della loro inaffidabilità per le ragioni indicate dall’Ente, non meriti che ci si soffermi oltre. D’altro canto, il potere di valutare la primazia dell’ assicurazione garante è previsto dall’articolo 7 dello schema di convenzione allegato al bando, di cui è parte integrante. D’altro canto, il potere di valutare la primazia dell’ assicurazione garante è previsto dall’articolo 7 dello schema di convenzione allegato al bando, di cui è parte integrante. La clausola in questione prevede testualmente che “A garanzia degli obblighi assunti con la presente Convenzione, il Consorzio presta una fideiussione bancaria o assicurativa, rilasciata da assicurazione primaria, pari al costo presunto di tutte le attività, comprensivo del costo di acquisizione dei suoli, nonché del costo delle opere di urbanizzazione previste nella presente convenzione.

 

2. Il Comune, avendo inserito l’aggettivo “primaria”, si è, quindi, attribuito, in sede di redazione del bando, la potestà di vagliare l’affidabilità della società assicuratrice.

Di tale attribuzione non può ravvisarsi alcun profilo di irragionevolezza, in quanto la valutazione di serietà della garanzia costituisce un corollario del principio generale di autonomia negoziale che trova dei limiti solo nella legge ai sensi dell’articolo 1321 c.c.. Nessuna norma riguardante il procedimento di attuazione dei Piani di edilizia economica e popolare vieta che la P.A. possa richiedere che l’assegnatario debba essere garantito da un contratto di fideiussione con un’assicurazione altamente affidabile.


Non è stato ancora postato nessun commento