Sottoscrivi Feed RSS   Pagina Facebook
   Pagina iniziale

Direttore: Avv. Francesco Barchielli    Visualizza il profilo di Francesco Barchielli su LinkedIn

      
Sentenze e Articoli
· Per argomento
· Motore di ricerca
· Norme regionali
· Voci libere

La Rivista
· Obiettivi della Rivista
· Redazione
· Contatti
· Studio Legale

Abbonamenti
· Abbonamenti

Consulenza Legale
· Richiedi un parere

Formulazione Quesiti
· Quesiti Urbanistica

AppaltieRiserve.it


MESE DI AGOSTO 2014 (Anno XI - Numero 8)

MOTORE DI RICERCA
(Una Banca Dati di oltre 10.500 voci in materia di urbanistica ed edilizia)
RICHIEDI UN PRIMO CONTATTO ARGOMENTI
ABBONAMENTI MESI PRECEDENTI
Telefono: 339 3400116 Fax: 055 5609352

NEWSLETTER

GIURISPRUDENZA E ARTICOLIIN EVIDENZA
T.A.R. Emilia Romagna Bologna, Sezione I, aprile 2014
Argomenti trattati: Condono edilizio
Fino a quando l’Amministrazione non si è pronunciata sulla domanda di condono edilizio – avvenga l’accoglimento in forma espressa o in forma tacita –, il richiedente può legittimamente rinunciare all’istanza
T.A.R. Campania Salerno, Sezione II, aprile 2014Sul vincolo di rispetto stradale e sulle costruzioni realizzate ad un diverso livello da quello della sede stradale o che costituiscano mere sopraelevazioni o che, pur rientrando nella fascia, siano arretrate rispetto alle opere preesistenti
T.A.R. Toscana, Sezione III, aprile 2014Sui presupposti per l’esercizio del potere di tutela possessoria di diritto pubblico di una strada vicinale, ai sensi dell’art. 378 dell’allegato F della legge 20 marzo 1865 n. 2248, ovvero ai sensi dell’art. 15 D.Lgt. 1 settembre 1918 n. 1446
T.A.R. Campania Napoli, Sezione II, aprile 2014
Argomenti trattati: Sanzioni edilizie per abusi
Il Collegio non condivide il più severo orientamento, in base al quale, anche nel caso di abuso risalente nel tempo, l'ordine di demolizione non abbisogna di una precipua motivazione, costituendo un atto dovuto ad emanazione vincolata, di modo che l’onere motivazione gravante sull’Amministrazione deve ritenersi assolto con il semplice accertamento della illegittimità dell’opera e della sua abusività
T.A.R. Basilicata, Sezione I, aprile 2014[A] L’ordine di demolizione delle opere abusive impartito dal giudice penale in sentenza di condanna per violazioni alla normativa urbanistico- edilizia non deve essere eseguito dalla pubblica amministrazione ma, al contrario, la caratterizzazione che tale provvedimento riceve dalla sede in cui viene adottato conferma la giurisdizione dell’A.G.O. [B] L’ordine di demolizione irrogato in sentenza penale, costituendo una sanzione amministrativa caratterizzata dalla natura giurisdizionale dell’organo istituzionale al quale ne è appunto attribuita l’applicazione, non passa in giudicato essendo sempre possibile la sua revoca
T.A.R. Campania Salerno, Sezione II, aprile 2014
Argomenti trattati: Mutamento di destinazione d'uso
Nel sistema delineato dalla legge n. 47/1985 (v., oltre agli artt. 7 e 8 e 25, anche gli artt. 15 e 26) il mutamento di destinazione d'uso degli immobili ha rilievo sotto il profilo urbanistico solo se accompagnato da opere edilizie
T.A.R. Veneto, Sezione II, aprile 2014
Argomenti trattati: Giurisdizione
Sulla giurisdizione competente riguardo all’impugnazione del provvedimento del Comune che dispone la rimozione dell’installazione pubblicitaria
Consiglio di Stato, Sezione III, aprile 2014
Argomenti trattati: Professioni
Le competenze professionali degli agrotecnici in materia di opere di trasformazione e miglioramento fondiario non comprendono interventi di sistemazione forestale, rimboschimento o difesa del suolo quali quelli in questione
T.A.R. Sicilia Catania, Sezione II, aprile 2014
Argomenti trattati: Distributori di carburanti
La compatibilità/conformità dell’impianto di distribuzione del carburante con il Piano carburanti comunale è condizione necessaria e sufficiente per il rilascio delle autorizzazioni e permessi a valenza urbanistico – edilizia
T.A.R. Lazio Latina, Sezione I, aprile 2014
Argomenti trattati: Risarcimento del danno
La domanda di risarcimento del danno causato da un illegittimo provvedimento annullato per difetto di motivazione non può essere accolta ove persistano spazi di discrezionalità in sede di riesercizio del potere
T.A.R. Molise, Sezione I, aprile 2014Sulla corretta interpretazione in termini di giurisdizione dell’art. 4 del d.l. 23 maggio 2008, n. 90, convertito, con modificazioni, dalla legge 14 luglio 2008, n. 123 a mente del quale “sono devolute alla giurisdizione esclusiva del giudice amministrativo tutte le controversie, anche in ordine alla fase cautelare, comunque attinenti alla complessiva azione di gestione dei rifiuti, seppure posta in essere con comportamenti dell'amministrazione pubblica o dei soggetti alla stessa equiparati. La giurisdizione di cui sopra si intende estesa anche alle controversie relative a diritti costituzionalmente tutelati
T.A.R. Veneto, Sezione II, aprile 2014Il rispetto della distanza minima è dovuto anche per i tratti di parete che sono in parte privi di finestre
T.A.R. Campania Napoli, Sezione V, aprile 2014[A] L’intervenuta esecuzione del provvedimento non può escludere la tutela giurisdizionale avverso un atto lesivo di posizioni giuridiche soggettive, giacché al contrario l’intervenuta esecuzione di un atto illegittimo dà luogo alla possibilità di rilevare ulteriori profili di pregiudizio economico risarcibili nella sede giurisdizionale. [B] Il soggetto tenuto ad eseguire l’ordinanza contingibile ed urgente può rivalersi nei confronti dei soggetti ritenuti responsabili (ivi compreso l’Ente pubblico)
Consiglio di Stato, Sezione IV, aprile 2014
Argomenti trattati: Penale e reati edilizi
Il sequestro penale non costituisce un impedimento assoluto all’esecuzione dell’ingiunzione di demolizione
T.A.R. Campania Salerno, Sezione II, aprile 2014
Argomenti trattati: Vincolo paesaggistico
Le opere realizzate nella vigenza di un titolo paesaggistico successivamente annullato dal giudice amministrativo sfuggono al generale divieto di rilascio in sanatoria dell’autorizzazione paesaggistica
T.A.R. Campania Napoli, Sezione VIII, aprile 2014
Argomenti trattati: ICI e Imposta municipale unica
Sulla giurisdizione competente a decidere sulla richiesta di rimborso dei maggiori importi versati dai ricorrenti a titolo di I.C.I. - in virtù del criterio di calcolo utilizzato per la determinazione della base imponibile dell’imposta
T.A.R. Puglia Bari, Sezione I, aprile 2014Sulla natura ampiamente discrezionale delle scelte effettuate in materia di valutazione di impatto ambientale
T.A.R. Campania Salerno, Sezione I, aprile 2014
Argomenti trattati: Vincolo paesaggistico
In materia paesaggistica rispetto al regime previgente, mentre risulta accresciuto il potere dell’organo statale, risultano più limitati i margini di controllo del giudice amministrativo
T.A.R. Campania Salerno, Sezione II, aprile 2014
Argomenti trattati: Sanzioni edilizie per abusi
Non è condivisibile la tesi in forza della quale l'ordine di demolizione emanato ai sensi dell'art. 34 TUE costituirebbe una semplice diffida al trasgressore con la conseguenza che la scelta fra la demolizione d'ufficio e la irrogazione della sanzione pecuniaria atterrebbe ad un momento e ad un procedimento successivo ed autonomo rispetto alla diffida stessa
T.A.R. Lazio Roma, Sezione II Bis, aprile 2014[A] L’autonomia comunale in materia urbanistica non implica una riserva intangibile di funzioni e non esclude che il legislatore regionale possa, nell’esercizio della sua competenza, individuare le dimensioni della stessa autonomia, valutando la maggiore efficienza della gestione a livello sovracomunale degli interessi coinvolti. [B] Il comune può, nella sua autonomia, in relazione ad esigenze particolari e locali, imporre limiti e vincoli più rigorosi o aggiuntivi anche con riguardo a beni vincolati a tutela di interessi culturali ed ambientali
T.A.R. Puglia Bari, Sezione III, aprile 2014
Argomenti trattati: Volumetrie
Sul calcolo della rispettiva volumetria ammissibile ove un'area edificabile venga successivamente frazionata in più parti tra vari proprietari
T.A.R. Lombardia Milano, Sezione II, aprile 2014
Argomenti trattati: Procedimento amministrativo
La possibilità di chiedere integrazioni e chiarimenti del corso del procedimento amministrativo è espressamente prevista dall’art. 6, comma 1°, lettera b), della legge 241/1990 ed un’interpretazione differente, che vietasse ogni integrazione documentale, si porrebbe contro il principio costituzionale di buon andamento della Pubblica Amministrazione di cui all’art. 97 della Costituzione
T.A.R. Marche, Sezione I, aprile 2014
Argomenti trattati: Vincolo storico artistico
Nel provvedimento di apposizione del vincolo indiretto, caratterizzato da un'ampia discrezionalità dell'Amministrazione procedente, è comunque necessario che il potere sia esercitato in modo che lo stesso sia effettivamente congruo
Consiglio di Stato, Sezione IV, aprile 2014La struttura alberghiera può essere assimilata ad un impianto produttivo-artigianale
T.A.R. Campania Napoli, Sezione VII, aprile 2014
Argomenti trattati: Vincolo paesaggistico
[A] Il concetto di pertinenza rileva solo a fini urbanistici, laddove a fini ambientali rileva l'aumento o meno di volume, senza che al riguardo possa assegnarsi rilievo alla definizione di volume tecnico. [B] Sulla rilevanza paesaggistica o meno dei volumi interrati
T.A.R. Campania Salerno, Sezione II, aprile 2014
Argomenti trattati: Permesso di costruire
Il carattere stagionale del manufatto non implica la precarietà dell'opera, potendo essere la stessa destinata a soddisfare bisogni non provvisori attraverso la perpetuità della sua funzione; né rileva a tale riguardo la circostanza che l’impiego del bene sia circoscritto ad una sola parte dell'anno
T.R.G.A. Trento, aprile 2014
Argomenti trattati: Giustizia amministrativa
L’istituto dei motivi aggiunti nel processo amministrativo consente di introdurre nuove ragioni a sostegno delle domande già proposte, ma non ammette la formulazione, nel corso del giudizio, di motivi che la parte interessata avrebbe potuto proporre in precedenza, acquisendo diligentemente e tempestivamente gli atti del procedimento amministrativo impugnato
Consiglio di Stato, Sezione IV, aprile 2014La decorrenza del termine decadenziale per impugnare un titolo edilizio rilasciato a terzi non può essere di norma fatta coincidere con la data in cui i lavori hanno avuto inizio
T.A.R. Campania Napoli, Sezione VI, aprile 2014
Argomenti trattati: Vincolo paesaggistico
[A] Nel vagliare un intervento edilizio consistente in una pluralità di opere, come qui accade, deve effettuarsene una valutazione globale. [B] Le opere edilizie abusive “realizzate in zona sottoposta a vincolo paesistico, si considerano eseguite in totale difformità dalla concessione e, se costituenti pertinenze, non sono suscettibili di autorizzazione in luogo della concessione. [C] Sulla qualificazione di un intervento incidente sugli esterni come volume tecnico e sulla possibilità o meno di prescindere dall’autorizzazione paesaggistica
T.A.R. Molise, Sezione I, aprile 2014
Argomenti trattati: Vincolo archeologico
Sui presupposti per l’apposizione del vincolo archeologico da parte della Soprintendenza
T.A.R. Lazio Roma, Sezione II Quater, aprile 2014
Argomenti trattati: Vincolo paesaggistico
[A] La giurisprudenza è costante nel ritenere che la tutela del paesaggio non sia riducibile a quella dell'urbanistica. [B] Il potere del Ministero è considerato del tutto autonomo dalle valutazioni oggetto della pianificazione paesistica regionale, in base alla espressa previsione dell’art 138 del d.lgs. 42, che, pur disciplinando le commissioni regionali formate da rappresentanti del Ministero e della regione come competenti alla valutazione di notevole interesse pubblico, che deve essere dichiarato dalla Regione ai sensi dell’art. 140, lascia salvo, al comma 3 il potere del Ministero, su proposta motivata del soprintendente, previo parere della regione interessata
T.A.R. Lazio Latina, Sezione I, aprile 2014[A] Il Piano di monitoraggio e controllo (nel caso ivi esaminato, delle acque sotterranee) è un elemento costitutivo ed indefettibile del progetto definitivo della discarica di rifiuti che deve a sua volta essere recepito e far parte integrante dell’autorizzazione ambientale. [B] L’inversione procedimentale consistente nell’acquisizione di un parere successivamente all’adozione dell’atto cui esso è riferito, rende illegittimo l’atto stesso
T.A.R. Campania Napoli, Sezione VII, aprile 2014[A] Il divieto di incremento di volumi esistenti, imposto ai fini di tutela del paesaggio, e sulla rilevanza o meno di “volumi tecnici” e “volumi interrati”. [B] Sulla criticità delle leggi provvedimento
T.A.R. Sicilia Palermo, Sezione II, aprile 2014
Argomenti trattati: Giustizia amministrativa
[A] Sulla questione degli effetti sul giudicato delle sopravvenienze normative in materia urbanistica. [B] Il giudicato è suscettibile di restare, per così dire, “impermeabile” alle cc.dd. sopravvenienze normative urbanistiche semprecché (e dunque esclusivamente nel caso in cui) la sentenza abbia dato una soluzione sostanziale definitiva alla questione controversa
T.A.R. Basilicata, Sezione I, aprile 2014
Argomenti trattati: Permesso di costruire
Nelle more dell’approvazione della legge regionale è illegittimo il permesso di costruire rilasciato ai sensi dell’art. 5, comma 9 e seguenti, del D.L. n. 70 del 2011, in assenza della preventiva deliberazione del Consiglio comunale
Consiglio di Stato, Sezione IV, aprile 2014
Argomenti trattati: Accesso agli atti
[A] Il consigliere può accedere non solo ai "documenti" ma, in genere, a qualsiasi "notizia" o " informazione " utili all'esercizio delle funzioni consiliari, ma non è neppure tenuto a motivare la sua richiesta, né l' ente ha titolo per sindacare il rapporto tra la richiesta di accesso e l'esercizio del mandato. [B] Il diritto di accesso può esercitarsi anche rispetto a documenti di natura privatistica
T.A.R. Friuli Venezia Giulia, Sezione I , luglio 2014[A] L’ordinanza di sospensione dei lavori ha durata pari a 45 giorni, dopodiché cessa di avere efficacia. [B] Sull'attività di vigilanza urbanistica ed edilizia delle varianti a permesso di costruire realizzabili tramite DIA
T.A.R. Friuli Venezia Giulia, Sezione I, luglio 2014[A] La mancata impugnazione di uno strumento urbanistico non consuma il potere di impugnazione da parte dei soggetti in ipotesi lesi dei successivi atti di esercizio del potere pianificatorio. [B] L’annullamento della destinazione urbanistica di un’area, in conseguenza dell’efficacia retroattiva della pronuncia caducatoria, comporta la riviviscenza della pregressa disciplina urbanistica di tale area. [C] La destinazione a scalo ferroviario pone fuor di dubbio un vincolo preordinato all’esproprio, posto che si tratta di previsione urbanistica di localizzazione di opera infrastrutturale. [D] La scadenza del vincolo preordinato all’esproprio rende l’area di proprietà dei ricorrenti zona bianca
T.A.R. Friuli Venezia Giulia, Sezione I, luglio 2014La presentazione dell’istanza di sanatoria rende inammissibile il ricorso contro l’originario provvedimento sanzionatorio, essendo l’Amministrazione chiamata a un riesame dell’abusività dell’opera, e, in caso di rigetto della domanda medesima, a una riedizione del potere
T.A.R. Friuli Venezia Giulia, Sezione I, luglio 2014[A] Il provvedimento di sospensione lavori, se questi sono già eseguiti, deve essere annullato per difetto dei presupposti fattuali per l’esercizio del potere previsto e disciplinato dall’articolo 27, comma 3, D.P.R. n. 380/2001. [B] Spetta al destinatario dell’ordine di demolizione fornire almeno un principio di prova in ordine al tempo di ultimazione del manufatto, e all’Autorità procedente dare prova contraria
T.A.R. Friuli Venezia Giulia, Sezione I, luglio 2014Sull’immediata efficacia delle norme statali anche in ambito territoriale regionale, in specie delle Regioni a Statuto speciale, dotate di potestà normativa primaria in materia di commercio e di norme proprie, in ipotesi contrastanti con le sopravvenute disposizioni nazionali
T.A.R. Friuli Venezia Giulia, sezione I, luglio 2014
Argomenti trattati: Condono edilizio
Deve essere dichiarato inammissibile il ricorso per difetto di interesse quando il ricorrente contesta unicamente il primo dei due dei motivi di diniego di condono edilizio e nulla dice con riferimento al secondo
T.A.R. Campania Napoli, Sezione VII, aprile 2014Sulla mancata definizione del procedimento di condono edilizio e sulla denuncia da parte dell’interessata della violazione dell’art. 41 della Carta europea dei diritti di Nizza del 7/12/2000 recepita dall’art. 6 del Trattato dell’Unione europea di Lisbona, degli artt. 24 e 113 Cost., degli artt. 1, 2, 2-bis e 3 della legge n. 241 del 1990, degli artt. 41, 42 e 97 Cost., dell’art. 31, 32 e 35 della legge n. 47 del 1985
T.A.R. Sicilia Palermo, Sezione II, aprile 2014
Argomenti trattati: Oneri concessori
Sulla domanda di restituzione degli oneri concessori presentata dall’Arcidiocesi contro il Comune di Agrigento per il mutamento di destinazione d’uso solo funzionale da magazzino a scuola dell’immobile di cui è proprietaria
T.A.R. Puglia Lecce, Sezione III, aprile 2014
Argomenti trattati: Sanzioni edilizie per abusi
La P.A., legittimata a variare l’entità della sanzione pecuniaria in virtù della gravità del fatto contestato, quando applica la sanzione nella misura massima, è tenuta a chiarire le ragioni sottese alla determinazione adottata
T.A.R. Liguria, Sezione I, aprile 2014[A] Sull’applicabilità del novellato art. 9 comma 5 della legge n. 122/1989 – nella parte in cui consente che il vincolo di pertinenzialità del parcheggio si costituisca rispetto ad una qualsiasi unità immobiliare, purché “sita nello stesso comune” – anche ai nuovi progetti di parcheggi pertinenziali, oltre che ai trasferimenti di quelli già esistenti. [B] Secondo la giurisprudenza di legittimità penale – espressamente richiamata da Cons. di St., n. 1842/2010 cit. - il rapporto di pertinenzialità è riconoscibile nel caso in cui i boxes si trovino entro “un ragionevole raggio di accessibilità pedonale”
T.A.R. Lazio Roma, Sezione II Bis, aprile 2014Sull’inerzia serbata dal Comune nei confronti dell’istanza dell’interessato intesa ad ottenere dal Comune l'emanazione dei provvedimenti necessari per la declaratoria di decadenza del permesso edilizio rilasciato a soggetti controinteressati
Consiglio di Stato, Sezione IV, aprile 2014Sul silenzio assensi riguardo al certificato di abitabilità, ai sensi dell’art. 4 D.P.R. 22-4-1994 n. 425, e sulla possibilità o meno da parte dell’Amministrazione di emettere un diniego tardivo
T.A.R. Lazio Roma, Sezione II bis, aprile 2014Sul ricorso avverso il silenzio avanzato dal proprietario di una abitazione ubicata in una zona che si caratterizza da molti anni per la carenza di opere di urbanizzazione, non solo secondarie ma addirittura primarie che erano previste nel piano di lottizzazione rimasto inattuato per questa parte
T.A.R. Veneto, Sezione II, aprile 2014Sul provvedimento con il quale l’amministrazione nel richiede l’integrazione della documentazione degli standard da destinare a parcheggio sospende l’efficacia della SCIA oltre il trentesimo giorno
Consiglio di Stato, Sezione V, aprile 2014Riguardo agli oneri concessori e sulla pretesa responsabilità dell’amministrazione per non aver escusso la polizza fideiussoria
Consiglio di Stato, Sezione VI, aprile 2014
Argomenti trattati: Vincolo paesaggistico
In tema di autorizzazione paesaggistica la disparità di trattamento è vizio assai difficilmente riscontrabile
Consiglio di Stato, Sezione V, aprile 2014Sull’installazione di una piscina prefabbricata di modeste dimensioni
Consiglio di Stato, Sezione I, aprile 2014
Argomenti trattati: Giustizia amministrativa
Sebbene la Pubblica Amministrazione abbia la più ampia facoltà di costituirsi in giudizio e di scegliere la propria strategia difensiva, essa ha anche un preciso dovere giuridico di adempiere agli incombenti istruttori disposti dal giudice amministrativo, in quanto l'ordine istruttorio viene diretto all'Amministrazione non in qualità di parte processuale, bensì in quanto Autorità pubblica
T.A.R. Puglia Bari, Sezione I, aprile 2014Una lettura comunitariamente orientata della normativa nazionale deve condurre ad escludere l’assoggettabilità delle attività di riempimento delle cave alla speciale autorizzazione di cui all’art. 208 TUA, prevista per le attività di discarica, quando risultino preordinate al mero ripristino ambientale e vengano condotte con i materiali previsti
T.A.R. Puglia Lecce, Sezione I, aprile 2014
Argomenti trattati: Vincolo paesaggistico
Se, trascorso il lasso di tempo di 45 giorni dal ricevimento degli atti da parte del Soprintendente e prima che l’Amministrazione abbia provveduto, interviene il parere della Soprintendenza (positivo o negativo che sia), l’Amministrazione deve tenerne conto, senza però che dallo stesso sia vincolata
T.A.R. Campania Napoli, Sezione VI, aprile 2014Sulle opere ricadenti in area soggetta a vincolo paesaggistico aventi natura pertinenziale o precaria e, quindi, assentibili con mera D.I.A.
Consiglio di Stato, Sezione IV, aprile 2014
Argomenti trattati: Oneri concessori Giurisdizione
[A] Sulla giurisdizione competente a decidere sula controversia avente a oggetto l'escussione da parte di un Comune della polizza fideiussoria a garanzia degli obblighi imposti dalla convenzione urbanistica. [B] Sul caso in cui tale polizza non sia configurabile come “contratto autonomo di garanzia”
T.A.R. Campania Napoli, Sezione II, aprile 2014[A] Nessun dubbio può nutrirsi in ordine alla circostanza che l'art. 38 abbia introdotto, per i casi di annullamento del titolo edilizio, una disciplina sanzionatoria complessivamente più mite rispetto a quella prevista ad esempio per le ipotesi di opere realizzate in assenza, in totale difformità o con variazioni essenziali rispetto al titolo originario. [B] Sull’interpretazione della nozione di “impossibilità” a demolire prevista dall’art. 38 del TUE e sulla possibilità o meno di ricondurla anche a ragioni di equità o al limite di opportunità. [C] Sulla demolizione dell’immobile edificato sulla base di un titole edilizio annullato come “extrema ratio”
T.A.R. Lombardia Milano, Sezione I, aprile 2014[A] A fronte della chiara previsione secondo cui le attività commerciali di cui al D.lgs. n. 114 del 1998 devono svolgersi senza limiti e prescrizioni concernenti il rispetto dei giorni e degli orari di apertura e di chiusura, ogni norma regionale che abbia previsto limiti siffatti deve considerarsi implicitamente abrogata. [B] La liberalizzazione degli orari non preclude all’Amministrazione comunale di esercitare il proprio potere di inibizione delle attività per comprovate esigenze di tutela dell’ordine e/o della sicurezza pubblica, nonché del diritto dei terzi al rispetto della quiete pubblica
Consiglio di Stato, Sezione V, aprile 2014La Valutazione di Impatto Ambientale, come noto, ha ad oggetto, oltre agli impianti nuovi, anche gli impianti esistenti, ma soltanto nel caso in cui essi subiscano modifiche sostanziali
T.A.R. Toscana, Sezione I, aprile 2014
Argomenti trattati: Piano regolatore
[A] La destinazione agricola del suolo non deve rispondere necessariamente all’esigenza di promuovere specifiche attività di coltivazione. [B] Sulla istanza con la quale, prima dell’adozione del regolamento urbanistico, l’interessato ha chiesto al Comune di trasformare la destinazione delle aree di sua proprietà da agricola a commerciale e residenziale. [B] Le uniche evenienze richiedenti una più incisiva e singolare motivazione della scelta urbanistica sono date dal superamento degli standard minimi ex D.M. 2.4.1968, dalla lesione dell’affidamento qualificato del privato scaturente da convenzioni di lottizzazione o altri accordi tra Comune e proprietari, da aspettative nascenti da giudicati di annullamento di dinieghi di concessione edilizia o di silenzio rifiuto su domanda di concessione e, infine, dalla modificazione in zona agricola della destinazione di uno spazio limitato, intercluso da fondi edificati in modo non abusivo
T.A.R. Lombardia Milano, Sezione I, aprile 2014
Argomenti trattati:
[A] Sulla pluralità di atti “a cascata” in virtù dei quali è possibile esercitare l’attività di “cava”. [B] Sulla legittimità o meno del provvedimento con il quale si autorizza l’attività di cava subordinando alla realizzazione di una viabilità di cava alternativa a quella esistente per evitare incidenze negative sull’abitato del Comune di Pizzale, alla realizzazione di una pista ciclabile, alla garanzia della cessione della aree acquisite per la realizzazione della viabilità di cava ai fini dell’eventuale e futura trasformazione in viabilità provinciale
T.A.R. Campania Napoli, Sezione IV, aprile 2014Sul titolo edilizio necessario per la costruzione di un soppalco di modeste dimensioni ad uso deposito, sbratto o ripostiglio, all'interno di un locale per ottenere la duplice utilizzazione di un vano
T.A.R. Campania Salerno, Sezione II, aprile 2014[A] Sulla necessità o meno di tenere conto dei manufatti abusivi nel calcolo delle distanze da effettuare in sede di rilascio del titolo edilizio per la nuova edificazione. [B] Sulla possibilità o meno di applicare la tolleranza del 2%, prevista dall’art. 34 comma 2 ter del D.P.R. n. 380/01, riguardo al rispetto delle distanze tra le costruzioni
T.A.R. Lombardia Milano, Sezione II, aprile 2014
Argomenti trattati: Cave e Torbiere
L’attività di coltivazione delle cave non è subordinata al potere di controllo edilizio comunale
C.G.A.R.S., aprile 2014[A] Sulla condonabilità o meno degli abusi in materia di distanze. [B] Sulla nozione di volume tecnico
T.A.R. Basilicata, Sezione I, aprile 2014
Argomenti trattati: Permesso di costruire
La mera esistenza di uno stabile collegamento con il terreno interessato dall'intervento edilizio è sufficiente a comprovare la sussistenza sia della legittimazione che dell'interesse a ricorrere
Consiglio di Stato, Sezione IV, aprile 2014
Argomenti trattati: Standards urbanistici
Laddove la legislazione regionale autorizzi la monetizzazione è del tutto evidente che il vantaggio patrimoniale riveniente al privato - consistente nell'utilizzazione edilizia di aree altrimenti da cedere gratuitamente, con incremento dei volumi realizzabili e quindi anche dei valori economici ritraibili -, possa trovare, proprio sul piano della corrispettività, un punto di equilibrio nella loro commisurazione al valore di mercato delle aree aggiuntive così rese edificabili, che in sostanza sono per dir così "cedute" (in termini planovolumetrici di diritti edificatori, altrimenti preclusi dall'obbligo di cessione) dalla comunità locale
T.A.R. Campania Napoli, Sezione VI, aprile 2014
Argomenti trattati: Vincolo paesaggistico Volumetrie
Hanno una indubbia rilevanza paesaggistica tutte le opere realizzate sull’area sottoposta a vincolo, anche se non vi è un volume da computare sotto il profilo edilizio
C.G.A.R.S., aprile 2014
Argomenti trattati: Oneri concessori
Sulla necessità o meno di corrispondere gli oneri concessori per la realizzazione di una struttura sanitaria
Consiglio di Stato, Sezione VI, aprile 2014
Argomenti trattati: Procedimento amministrativo
L'esito della conferenza dei servizi costituisce solo un atto preparatorio della fase di emanazione di un nuovo provvedimento dell'amministrazione che aveva indetto la conferenza
T.A.R. Campania Salerno, Sezione II, aprile 2014Sul titolo edilizio necessario per la realizzazione di piscine interrate
T.A.R. Campania Napoli, Sezione VII, aprile 2014
Argomenti trattati: Sanzioni edilizie per abusi
[A] L’Amministrazione non è tenuta a specificare nell’ordinanza di demolizione la superficie da acquisire in caso di mancata spontanea ottemperanza all’ordine impartito. [B] Sul provvedimento con il quale il Comune, a fronte dell’inottemperanza all’ordine di demolizione, dispone l’acquisizione al patrimonio comunale di un’area “ulteriore” con la motivazione che il frazionamento potesse residuare un relitto giudicato inutilizzabile; quella di evitare successivi ed eventuali problemi in sede di demolizione o di utilizzo dell’area; e quella di acquisire un comodo passaggio onde poter accedere alla zona interessata dalle opere abusive
T.A.R. Campania Napoli, Sezione VI, aprile 2014Sulla costruzione di una piscina e sulla necessità o meno di ritenerla di consistenza modificativa e trasformativa dell'assetto del territorio
T.A.R. Campania Napoli, Sezione VII, gennaio 2014
Argomenti trattati: Volumetrie
Sulla rilevanza paesaggistica o meno dei volumi interrati e seminterrati

 
Copyright PressLex della Dott.ssa Chiara Morocchi, Via Dante Alighieri 17 (Castelfranco), 52026, Castelfranco Piandiscò (AR)
P.I. 02124850518 - C.F. MRCCHR73E67D583D


La riproduzione totale o parziale effettuata con qualsiasi mezzo e su qualsiasi supporto idoneo alla riproduzione e trasmissione non è consentita senza il consenso scritto del direttore della rivista. Sono consentiti links da altri siti esclusivamente alla prima pagina della rivista e/o ai documenti di libero accesso (non riservati agli abbonati) purché venga chiaramente indicato che si tratta di links verso la Rivista Internet www.urbanisticaitaliana.it.


Web site engine code is Copyright © 2003 by PHP-Nuke. All Rights Reserved. PHP-Nuke is Free Software released under the GNU/GPL license.