ISSN 2498-9916
Direttori: Avv. Francesco Barchielli  Avv. Federico Faldi e Avv. Gherardo Lombardi
Ultimi articoli pubblicati
T.A.R. Lazio, Sezione II Bis, 4 giugno 2021

Se la trasformazione di un balcone o di un terrazzo in veranda costituisca una pertinenza urbanistica.

Pubblicato: 12 giugno 2021
Autore: Avv. Federico Faldi
T.A.R. Umbria, Sezione I, 9 giugno 2021

Se il termine per la impugnazione di un piano regolatore generale o di una variante dello strumento urbanistico decorra sempre dalla data della pubblicazione sul Bollettino Ufficiale della Regione (o sulla Gazzetta Ufficiale) del decreto di approvazione di essa.

Pubblicato: 12 giugno 2021
Autore: Avv. Federico Faldi
T.A.R. Lazio, Sezione II Quater, 4 giugno 2021

Sulle conseguenze della scadenza dell’efficacia del piano attuativo in ordine alle obbligazioni assunte dai soggetti attuatori degli interventi.

Pubblicato: 12 giugno 2021
Autore: Avv. Federico Faldi
T.A.R. Campania, Sezione II, 8 giugno 2021

Sulla necessità di ponderare l’impatto urbanistico di un intervento edilizio, consistente in una pluralità di opere, attraverso una valutazione globale delle stesse.

Pubblicato: 12 giugno 2021
Autore: Avv. Federico Faldi
T.A.R. Lombardia, Sezione II, 3 giugno 2021

[A] Se sussista una automaticità tra il rilascio del certificato di abitabilità/agibilità e la concessione in sanatoria.

[B] Se sia ammissibile che l’Amministrazione inviti il privato ad integrare la pratica di sanatoria attraverso una diversa soluzione tecnica per la realizzazione dell’opera.

Pubblicato: 12 giugno 2021
Autore: Avv. Federico Faldi
T.A.R. Calabria, Sezione II, 4 giugno 2021

[A] Se la mancata comunicazione di inizio lavori nel termine di cui all’art. 15, comma 2, del D.P.R. 380/2001 comporti la decadenza del permesso di costruire.

[B] Sulle ipotesi nelle quali nel processo amministrativo sia ammissibile o non ammissibile l’integrazione in sede giudiziale della motivazione dell’atto amministrativo.

Pubblicato: 12 giugno 2021
Autore: Avv. Federico Faldi
Consiglio di Stato, Sez. IV, 7 giugno 2021

Le distanze legali previste dal regolamento edilizio e dal sovraordinato d.m. n. 1444 del 1968 a quale esigenza rispondono?

Pubblicato: 9 giugno 2021
Autore: Avv. Gherardo Lombardi
Consiglio di Stato, Sez. II, 8 giugno 2021

Sulla possibilità dell’Amministrazione di rideterminare più di una volta gli oneri di urbanizzazione.

Pubblicato: 9 giugno 2021
Autore: Avv. Gherardo Lombardi
Consiglio di Stato, Sez. II, 8 giugno 2021

Sulla nozione di lotto intercluso e sulle conseguenze da esso derivanti in materia pianificatoria.

Pubblicato: 9 giugno 2021
Autore: Avv. Gherardo Lombardi
T.A.R. Emilia Romagna, Sezione II, 26 maggio 2021

Nelle zone sottoposte a vincolo paesistico, sia esso assoluto o relativo, è consentita la sanatoria dei soli abusi formali, cioè realizzati in assenza o in difformità del titolo edilizio, ma conformi allo strumento urbanistico vigente.

Pubblicato: 7 giugno 2021
Autore: Dott. Ilaria Mannelli
T.A.R. Lombardia, Sezione I, 25 maggio 2020

[A] Sul  concetto di rielaborazione dello strumento di pianificazione e sul conseguente obbligo di ripubblicazione.

[B] In ordine ai presupposti in presenza dei quali si può parlare di un affidamento qualificato del privato ad evitare una reformatio in peius  delle scelte già adottate negli strumenti urbanistici.

 

Pubblicato: 7 giugno 2021
Autore: Dott. Ilaria Mannelli
T.A.R. Lazio, Sezione I, 01 giugno 2021

[A] Sulla natura reale delle sanzioni urbanistiche e conseguente legittimazione passiva del proprietario dell’immobile, ancorché non autore dell’illecito.

[B] In ordine alla inidoneità del provvedimento sanzionatorio a divenire, in caso di inottemperanza, titolo per l’acquisizione gratuita al patrimonio in ipotesi di estraneità del proprietario all’abuso edilizio.

[C] Sulla inidoneità della pergotenda a creare volume o superficie e quindi trasformazione urbanistica del territorio, non necessitando del permesso di costruire.

Pubblicato: 7 giugno 2021
Autore: Dott. Ilaria Mannelli
T.A.R. Calabria, Sezione Reggio Calabria, 01giugno 2021

La natura di pertinenza urbanistica manca quando siano stati realizzati nuovi volumi su area diversa ed ulteriore rispetto a quella occupata dal fabbricato principale

Pubblicato: 7 giugno 2021
Autore: Dott. Ilaria Mannelli
T.A.R. Campania, Salerno, Sezione II, 27 maggio 2021

Se in caso di reiezione della domanda di sanatoria, l’interessato possa usufruire dell’intero termine previsto per l’esecuzione spontanea della demolizione.

Pubblicato: 5 giugno 2021
Autore: Avv. Federico Faldi
T.A.R. Campania, Salerno, Sezione II, 28 maggio 2021

Se il ricorso proposto contro l’ordine di demolizione emesso in precedenza divenga improcedibile per sopravvenuta carenza d’interesse, qualora l’interessato abbia attivato il procedimento per ottenere il premesso di costruire in sanatoria di abusi edilizi.

Pubblicato: 5 giugno 2021
Autore: Avv. Federico Faldi
T.A.R. Campania, Salerno, Sezione I, 20 maggio 2021

Sulle modalità specifiche di costituzione della servitù pubblica su di una strada privata mediante dicatio ad patriam.

Pubblicato: 5 giugno 2021
Autore: Avv. Federico Faldi
T.A.R. Veneto, Sezione II, 29 marzo 2021

[A] Sulla decorrenza del termine di prescrizione della sanzione pecuniaria per il caso di inottemperanza all’ordine di demolizione.

[B] Se la sanzione di cui all’art. 31, comma 4-bis, del D.P.R. 380/2001 possa essere assoggettata a riduzione (pagamento in misura ridotta), in applicazione dell’art. 16 della Legge 689/1981.

[C] Sulla presentazione della domanda di accertamento di conformità successiva all’acquisizione della proprietà ai sensi dell’art. 31, comma 3, del D.P.R. 380/2001.

Pubblicato: 5 giugno 2021
Autore: Avv. Federico Faldi
T.A.R. Campania, Sezione VIII, 3 giugno 2021

[A] Sulla necessità che il provvedimento amministrativo definisca l’oggetto dell’acquisizione al patrimonio comunale attraverso la quantificazione e la perimetrazione dell’area sottratta al privato.

[B] Se le disposizioni di cui alla Legge 689/1981 siano direttamente applicabili alla sanzione prevista dall’art. 31, comma 4 bis, del D.P.R. 380/2001.

Pubblicato: 5 giugno 2021
Autore: Avv. Federico Faldi
T.A.R. Sicilia, Catania, Sezione III, 31 maggio 2021

[A] Se i vicini che non condividano le iniziative edilizie di chi abbia ottenuto un permesso di costruire o di chi abbia edificato senza titolo e sia stato, quindi, destinatario di un ordine di demolizione impugnato in sede giurisdizionale, possano intervenire “ad opponendum” nel relativo giudizio.

[B] Sul diverso concetto di pertinenza previsto dal diritto civile e in materia edilizia.

Pubblicato: 5 giugno 2021
Autore: Avv. Federico Faldi
T.A.R. Puglia, Sezione I, 20 maggio 2020

[A] In ordine alla natura non autoritativa degli atti di determinazione del contributo di costruzione ex art 16 del d.P.R 380/2001 ed alla legittimità per la p.a. di rideterminarne l’importo, erroneamente liquidato in origine, nel rispetto dell’ordinario termine di prescrizione decennale.

 

[B] In ordine alla diversa disciplina concernente la determinazione degli oneri di urbanizzazione ed alla non retroattività delle delibere comunali di adeguamento.

Pubblicato: 31 maggio 2021
Autore: Dott. Ilaria Mannelli