Rivista giuridica di urbanistica ed edilizia. ISSN 2498-9916     Direttori:  Avv. Francesco Barchielli,   Avv. Federico Faldi  e  Avv. Gherardo Lombardi
T.A.R. Campania, Napoli, Sez. IV, 31 marzo 2020
Sull’inversione dell’onere della prova in ordine all’epoca di realizzazione degli abusi.
T.A.R. Abruzzo, L'Aquila, Sezione I, 13 febbraio 2017
[A] Sulla pianificazione integrata ed in particolare sui programmi di riqualificazione urbana, i programmi complessi e la contrattazione tra i privati e la pubblica amministrazione. [B] Ancora sui programmi di recupero urbano e su “i Contratti di quartiere”.
T.R.G.A. Trento, 24 maggio 2012
Sull’inquadramento del programma integrato di intervento ai sensi dell’art. 16 della legge 179 del 1992
T.A.R. Lombardia Milano, Sezione II, 1 febbraio 2011
Sul programma integrato di intervento ai sensi dell’art. 87, c. 2 della l. Regione Lombardia n. 12 del 2005
T.A.R. Toscana, Sezione I, 20 gennaio 2011
Ai sensi dell’art. 65 della legge regionale Toscana n. 1 del 2005, non è escluso che anche un piano integrato d’intervento possa essere seguito da un piano attuativo, come strumento urbanistico di dettaglio
T.A.R. Lombardia Milano, Sezione II, 17 gennaio 2011
Sul programma integrato di intervento, ai sensi dell’art. 87, c. 2 della l. Regione Lombardia n. 12/2005
Consiglio di Stato, Sezione IV, 30 novembre 2010
Sulla funzione dei piani integrati di intervento
T.A.R. Lazio Roma, Sezione II Bis, 27 gennaio 2010
Sui programmi integrati d’intervento che propongono un nuovo tipo di urbanistica nascente da un accordo tra più parti (pubbliche e private), c.d. urbanistica contrattata o consensuale
T.A.R. Lombardia Milano, Sezione II, 26 novembre 2009
[A] Sull’operazione complessa condotta dal Comune di Milano con l'approvazione di un Programma Integrato di Intervento che ha per oggetto un quartiere “futuristico” per la necessità di offrire un servizio adeguato alle esigenze legate all’EXPO 2015. [B] Sulla scelta di riqualificare l’area attraverso lo strumento del PII (Programma integrato di intervento), con il ricorso ad operatori del mercato immobiliare internazionale. [C] Sulla peculiarità del PII rispetto ad altri strumenti di pianificazione. [D] Sulla disciplina della monetizzazione nell’ambito dei Programmi integrati di intervento in base al quadro normativo antecedente alla L.R. 12/2005. [E] Sul c.d. “standard qualitativo”
Consiglio di Stato, Sezione IV, 28 maggio 2009
[A] Sui programmi integrati di intervento in Lombardia e sul parere circa la loro compatibilità col sopraordinato P.T.C.P. che deve esprimere la Provincia ai sensi della L.R. Lombardia n. 12 del 2005. [B] Sulla possibilità o meno di ricavare dall’art. 10 della legge 1150 del 1942 un principio in base al quale la formazione degli strumenti urbanistici deve richiedere sempre l’intervento di due livelli di governo. [C] I programmi integrati di intervento non sono assimilabili ai piani di recupero. [D] Per i programmi integrati di intervento non è prevista una quota minima di proprietari cui è consentita l’iniziativa
Consiglio di Stato, Sezione IV, 21 ottobre 2008
Sui “Programmi Integrati di Intervento” di cui alla legge n. 179 del 1992 e sul procedimento previsto per la loro attuazione ai sensi della L.R. Puglia n. 20 del 2001
Consiglio di Stato, Sezione IV, 19 giugno 2008
[A] Sui caratteri dei programmi integrati di intervento previsti dall’art. 16 della l. n. 179 del 1992, sulle differenze rispetto ai piani di recupero e sui limiti entro i quali è consentita la nuova edificazione. [B] Sui P.I.R.U.E.A. previsti dalla legge regionale Veneto, sulla possibilità o meno di consentire una nuova edificazione in zona agricola o di apportare una variante contestuale allo strumento urbanistico