Rivista giuridica di urbanistica ed edilizia. ISSN 24989916     Direttori:  Avv. Francesco Barchielli,   Avv. Federico Faldi  e  Avv. Gherardo Lombardi
Inquinamento acustico
T.A.R. Lombardia, Sezione III, 9 agosto 2021

Se in materia di inquinamento acustico, il superamento dei limiti di legge implichi automaticamente la sussistenza di una situazione di rischio per la salute pubblica che l’autorità preposta al controllo è tenuta a rimuovere attraverso l’ordinanza contingibile ed urgente, anche quando si tratti di un singolo soggetto privato.

T.A.R. Puglia, Bari, Sezione I, 1 agosto 2018
Il Sindaco può adottare un'ordinanza contingibile ed urgente compiendo un semplice rinvio ai rilievi compiuti dall’ARPA ed ai "numerosi esposti pervenuti per inquinamento acustico da traffico veicolare"?
T.A.R. Campania, Napoli, Sezione V, 30 luglio 2018
Sulla competenza del Sindaco e del Presidente del Consiglio dei Ministri in materia di contenimento e abbattimento delle emissioni sonore.
T.A.R. Friuli Venezia Giulia, Trieste, Sezione I, 30 luglio 2018
Sul principio del "chi inquina paga": il proprietario del bene bonificato può sottrarsi all’onere reale gravante sul suo fondo invocando a proprio favore la circostanza che non si riesca ad individuare il responsabile?
T.A.R. Lombardia, Milano, Sezione II, 8 marzo 2018
L'obbligo di ripristino del fondo a carico del titolare di un diritto di godimento sul bene oggetto di abbandono e deposito incontrollato di rifiuti ha natura di obbligazione propter rem?
T.A.R. Liguria, Genova, Sezione I, 8 marzo 2018
Quali sono i criteri per valutare l’intollerabilità delle immissioni acustiche prodotte dal traffico autostradale?
T.A.R. Calabria, Catanzaro, Sezione I, 7 marzo 2017
La competenza ad adottare ordinanze per il contenimento o l’abbattimento delle emissioni sonore spetta al sindaco o ai dirigenti comunali?
T.A.R. Campania, Napoli, Sezione V, 30 dicembre 2016
Se il piano di zonizzazione non contempla una fascia intermedia di decadimento acustico (una zona-cuscinetto, in grado di attutire i suoni nel passaggio ad un'area all’altra) il sindaco può adottare un'ordinanza contingibile ed urgente emessa alla stregua dell'art. 50, co. 5, del d.lgs. 267/2000 e dell'art. 9, co. 1, della legge 447/1995?
Consiglio di Stato, Sezione VI, 5 ottobre 2016
Sull’accertamento necessario al fine di individuare il responsabile dell’inquinamento, nonché sul nesso di causalità che lega il comportamento del responsabile all’effetto consistente nella contaminazione
Corte di Cassazione, Sez. III Penale, 31 agosto 2016 (ud. 11.5.2016)
Sul disturbo delle occupazioni e del riposo delle persone: il reato di cui all'art. 659 cod. pen. può ritenersi abrogato per effetto della legge 28 aprile 2014 n. 67?
T.A.R. Toscana, Sezione II, 18 marzo 2016
Sulla possibilità o meno di inquadrare le immissioni di rumore derivanti dalla presenza di una elisuperficie al servizio di ospedale nella legge quadro sull’inquinamento acustico (l. 26 ottobre 1995, n. 447) ed al relativo d.P.C.M. 14 novembre 1997, relativo alla <>
T.A.R. Umbria, Sezione I, 19 febbraio 2016
[A] Sull’art. 9 della legge n. 447 del 1995 in tema di inquinamento acustico: precisazioni sul concetto di inquinamento acustico. [B] Sul c.d. “diritto alla sorpresa” nelle rilevazioni fonometriche effettuate dall’ARPA
Consiglio di Stato, Sezione IV, 28 ottobre 2015
Sugli oneri di urbanizzazione e sugli oneri aggiuntivi da impatto acustico: quand’è che i secondi sono dovuti?
T.A.R. Campania Napoli, Sezione V, 15 settembre 2015
Quale autorevolezza scientifica ha l’affermazione che un elevato livello di rumorosità ambientale può tradursi in un pregiudizio per la salute pubblica?
T.A.R. Sicilia Palermo, Sezione III, 16 novembre 2015
Sui poteri contingibili ed urgenti del sindaco in materia di inquinamento acustico, con particolare attenzione all’ipotesi in cui tale potere sia esercitato nelle more dell’adozione del regolamento sulla "movida" cittadina
Corte di Cassazione, Sezione III Penale, 8 agosto 2015
[A] Quand’è che l'esercizio di una attività o di un mestiere rumoroso integra l'illecito amministrativo di cui all'art. 10, comma secondo, della legge 26 ottobre 1995, n. 447, e quando invece il reato di cui al comma primo dell'art. 659, c.p., o ancora quello di cui al comma secondo del medesimo articolo? [B] L'attività di un bar regolarmente autorizzato dall'autorità amministrativa a rimanere aperto fino a tarda notte ed all'uso di strumenti musicali e di diffusione sonora va classificata come esercizio di un «mestiere rumoroso»?
T.AR. Piemonte, Sezione II, 10 luglio 2015
Sulle le immissioni sonore, anche se non relative a trattenimenti danzanti e musicali: che rilevanza può assumere, ai fini dell’apposizione di una prescrizione amministrativa ex art. 9 T.U.L.L.P.S. (R.D. 773/31), la circostanza che la zona è di per sé “votata alla movida”?
T.A.R. Toscana, Sezione II, 13 luglio 2015
Sul superamento dei limiti di immissioni sonore: nel verificare la illegittimità del comportamento occorre operare un bilanciamento di interessi tra diritto alla salute e la libertà di impresa o, comunque, occorre tenere in considerazione un obbligo dei controinteressati di addivenire a "patti di civile convivenza" in ordine alla gestione delle immissioni sonore?
T.A.R. Toscana, Sezione II, 16 giugno 2015
Ai fini della valutazione delle fonti di emissione sonora deve tenersi conto della classificazione della zona in cui si trovano i ricettori sensibili o solo di quella in cui è allocata la fonte di emissione?
T.A.R. Umbria, Sezione I, 15 maggio 2015
Sul potere di ordinanza “contingibile e urgente” di cui all'art. 9 L. 26 ottobre 1995 n. 447
T.A.R. Toscana, Sezione II, 15 maggio 2015
Sulla possibilità o meno che l’accertata presenza di un fenomeno di inquinamento acustico, anche se non coinvolgente l’intera collettività, sia di per sé sufficiente a concretare l’eccezionale ed urgente necessità di intervenire a tutela della salute pubblica con lo strumento previsto dall’art. 9 della l. n. 447/1995
T.A.R. Toscana, Sezione III, 11 novembre 2014
Sulla corrispondenza tra classificazione acustica del territorio e pianificazione urbanistica
T.A.R. Piemonte, Sezione I, 10 gennaio 2014
I provvedimenti concernenti speciali forme di contenimento e di abbattimento delle emissioni sonore, inclusa l’inibitoria parziale o totale di determinate attività, in materia di servizi pubblici essenziali, sono riservati esclusivamente al Presidente del Consiglio dei Ministri
T.A.R. Lombardia Milano, Sezione II, 30 agosto 2013
[A] La giurisprudenza ha affermato che i piani comunali di zonizzazione acustica, tenendo conto delle attività già legittimamente insediate, debbono prevedere la realizzazione di zone cuscinetto. [B] Per piccole aree verdi di quartiere debbano intendersi quelle aree per le quali non vi sia netta cesura con la zona urbana. [C] L’autorizzazione di interventi di trasformazione edilizia od urbanistica da realizzare in prossimità di stabilimenti a rischio di incidente rilevante presuppone una necessaria e doverosa valutazione di compatibilità della successiva iniziativa interessante l’ambito. [D] Non può configurarsi un affidamento meritevole di tutela in capo a colui che, con dolo o grave negligenza, abbia tratto profitto dall’errore dell’amministrazione, consistito nel rilascio di un provvedimento palesemente illegittimo e tuttavia conforme ai propri interessi
T.A.R. Umbria, Sezione I, 13 marzo 2013
La legge 447 del 1985 prescrive di “tener conto” delle preesistenti destinazioni urbanistiche, ma non impone di trasfondere le stesse tal quali in corrispondenti classi acustiche
T.A.R. Lombardia Milano, Sezione I, 2 marzo 2013
La classificazione acustica del territorio deve coordinarsi e non sovrapporsi meccanicamente alla pianificazione urbanistica
T.R.G.A. Bolzano, 11 gennaio 2013
La classificazione del territorio comunale effettuata ai fini urbanistici ha scopi e finalità diverse da quelle della tutela da fonti di inquinamento sonoro, che viene, invece, attuata con la predisposizione delle zone acustiche
T.A.R. Veneto, Sezione III, 7 gennaio 2013
I Comuni possono stabilire ai sensi dell’art. 6 della legge 477/95 norme regolamentari che limitino l’inquinamento acustico diurno e notturno in zone del territorio comunale
T.A.R. Piemonte, Sezione I, 21 dicembre 2012
Sull’utilizzo del particolare potere di ordinanza contingibile e urgente delineato dall’art. 9 della L. 26 ottobre 1995 n. 447 in presenza di un fenomeno di inquinamento acustico
T.A.R. Piemonte, Sezione II, 10 novembre 2012
[A] Mancando il piano di zonizzazione acustica sono da ritenersi operativi i soli limiti c.d. "assoluti" di rumorosità. [B] L’impropria classe acustica attribuita alle zone circostanti all’area estrattiva si riverbera, inficiandola, sull’attività istruttorio/valutativa svolta dalla Provincia al fine del rilascio del giudizio di VIA
T.A.R. Lombardia Milano, Sezione II, 9 novembre 2012
Sui rapporti tra la classificazione acustica del territorio e la pianificazione urbanistica
T.A.R. Toscana, Sezione II, 28 agosto 2012
Correttamente, l’ARPAT ha considerato i limiti previsti dal D.P.C.M. del 1997 in relazione alle aree come classificate nel Piano comunale dove avvenivano le misurazione e cioè “in corrispondenza di spazi utilizzati da persone o comunità” e non tenendo conto della classe relativa all’area della sorgente rumorosa da verificare cioè l’azienda
T.A.R. Piemonte, Sezione II, 24 maggio 2012
L’interesse alla quiete pubblica, strettamente connessa alla salute individuale e collettiva, prevale sugli interessi commerciali dei pubblici esercizi, e sulla gratificazione dei loro frequentatori
T.A.R. Lombardia Brescia, Sezione II, 17 novembre 2011
Sul superamento dei limiti fissati per le immissioni acustiche e sulla possibilità o meno da parte del Sindaco di fare ricorso allo strumento straordinario dell’ordinanza contingibile ed urgente
T.A.R. Toscana, Sezione II, 4 novembre 2011
[A] Sul criterio del cd. “preuso” che i comuni devono seguire in sede di pianificazione acustica. [B] Le scelte effettuate dal Comune in materia di classificazione acustica non afferiscono al merito dell’attività pianificatoria o programmatoria dell’Ente, insindacabile in sede di giudizio di legittimità, ma sono espressione di discrezionalità tecnica
T.A.R. Piemonte, Sezione II, 27 ottobre 2011
Sull'accertata presenza di un fenomeno di inquinamento acustico in seguito all'esposto di una sola famiglia
T.A.R. Lombardia Milano, Sezione IV, 21 settembre 2011
[A] In materia di tutela dell'ambiente esterno e dell'ambiente abitativo dall'inquinamento acustico, nelle more del procedimento finalizzato alla classificazione del territorio comunale ai sensi dell'art. 6, comma 1, lett. a) della L. n. 447 del 1995, sono operativi i limiti cd. "assoluti" di rumorosità, ma non anche quelli cd. "differenziali". [B] Sull’ordinanza del Sindaco adottata in presenza di rumori degli avventori del locale quando stazionano all’esterno e non nel locale
T.A.R. Veneto, Sezione III, 14 giugno 2011
La tutela della quiete pubblica, intesa come espressione del diritto alla salute psicofisica, prevale sugli interessi puramente economici dei titolari di pubblici esercizi
T.A.R. Toscana, Sezione II, 4 maggio 2011
Nella zonizzazione acustica del territorio, le scelte della P.A. non si possono sovrapporre meccanicamente alla pianificazione urbanistica
T.A.R. Lombardia Milano, Sezione IV, 31 gennaio 2011
Sull’inquinamento acustico e sui poteri che l’art. 9 L. 447 del 1995 attribuisce al Sindaco per urgente necessità di tutela della salute pubblica in senso più ampio
T.A.R. Piemonte, Sezione II, 22 gennaio 2011
Nelle more della classificazione del territorio comunale ai sensi dell'art. 6, comma 1, lett. a) della l. n. 447 del 1995, sono da ritenersi operativi i soli limiti c.d. "assoluti" di rumorosità, ma non anche quelli c.d. "differenziali"
T.A.R. Toscana, Sezione II, 12 luglio 2010
Sull’ordinanza ex art. 9 della legge 447 del 1995 che ingiunge l’esecuzione di opere sostanzialmente definitive per la mitigazione del rumore
T.A.R. Piemonte, Sezione I, 21 maggio 2010
[A] Sul termine di impugnazione di una variante specifica allo strumento urbanistico che incide in modo diretto e immediato sui soggetti destinatari della previsione. [B] Solo per i progetti sottoposti a VIA vi è l’obbligo di allestire la documentazione di impatto acustico
T.A.R. Piemonte, Sezione II, 15 aprile 2010
Sull’ordinanza contingibile ed urgente adottata ai sensi dell’art. 9 della L. n. 447 del 26 ottobre 1995 per la riduzione delle emissioni sonore, inclusa l’inibitoria totale o parziale delle attività
T.A.R. Toscana, Sezione II, 19 marzo 2010
[A] E’ illegittimo il regolamento di Polizia Municipale del Comune di Firenze laddove impone ai gestori di esercizi pubblici, ove si determini l’aggregazione di un numero considerevole di persone all’interno, ovvero all’esterno dei locali, che causino disturbi, disagi o pericoli con il loro comportamento, di adottare “tutte le cautele e le attività possibili atte a scoraggiare tali comportamenti, anche intervenendo sul nesso di causalità fra l’attività lavorativa esterna ed i disagi in strada”. [B] E’ illegittimo il regolamento nella parte in cui richiama il normale apprezzamento per definire la soglia di disturbo della pubblica
T.A.R. Toscana, Sezione II, 2 gennaio 2010
Il valore di emissione deve essere misurato in prossimità della sorgente sonora di riferimento in relazione alla classe acustica in cui essa è collocata
T.A.R. Lombardia Milano, Sezione IV, 11 novembre 2009
Il Comune ha il dovere di garantire per motivi di salute pubblica che la soglia del rumore prodotta nell’ambiente dalle varie attività umane non superi i livelli stabiliti dalla normativa
T.A.R. Friuli Venezia Giulia, 12 ottobre 2009
Deve essere annullata, per contrasto con l'art. 9 L. n. 447/1995, l'ordinanza sindacale che dispone il ricorso temporaneo a misure particolari di contenimento o abbattimento delle emissioni sonore qualora non dia atto della ricorrenza di “eccezionali ed urgenti necessità di tutela della salute pubblica o dell'ambiente"
T.A.R. Marche, Sezione I, 30 settembre 2009
[A] È quasi inevitabile per i cittadini che risiedono in zone (formalmente) agricole – e che quindi godono dei relativi vantaggi, in termini di maggiore fruibilità della natura e di minore inquinamento acustico e ambientale – dover sopportare l’allocazione, in zone adiacenti le loro abitazioni, di insediamenti produttivi. [B] Non ogni piano o progetto teoricamente interferente con il bene ambiente è soggetto a valutazione di incidenza
T.A.R. Emilia Romagna Parma, Sezione I, 28 luglio 2009
Gli schiamazzi notturni degli avventori di un pubblico esercizio possono giustificare l’adozione di un’ordinanza di necessità ex art. 54, comma 3, del d.lgs. n. 267 del 2000
T.A.R. Piemonte, Sezione II, 12 giugno 2009
E’ illegittima l’ordinanza contingibile ed urgente con la quale si ordina ad una impresa di stampaggio a caldo del ferro e dell’acciaio, di ridurre “il disturbo” indotto nella proprietà finitima dalle vibrazioni prodotte dalla propria attività di impresa
T.A.R. Campania Napoli, Sezione III, 20 maggio 2009
Ai comuni non è consentito di attuare una più specifica regolamentazione dell'emissione ed immissione dei rumori nel loro territorio rispetto a quanto previsto dalla legge 447 del 1995
T.A.R. Umbria, Sezione I, 19 maggio 2009
Sull’ordinanza con la quale il Sindaco ingiunge alla Società Autostrade per l’Italia S.p.A. di presentare un piano di risanamento acustico
T.A.R. Puglia Lecce, Sezione III, 7 maggio 2009
Sull’art. 8 della l. 447/95 il quale prescrive una valutazione previsionale del clima acustico delle aree interessate alla realizzazione delle seguenti tipologie di insediamenti: a) scuole e asili nido; b) ospedali; c) case di cura e di riposo; d) parchi pubblici urbani ed extraurbani; e) nuovi insediamenti residenziali prossimi
T.A.R. Toscana, Sezione II, 17 aprile 2009
[A] Sulla legittimità o meno del provvedimento con il quale il Sindaco adotta un’ordinanza contingibile ed urgente per l’abbattimento delle emissione sonore, qualora la segnalazione pervenga da una sola famiglia. [B] Sulla legittimità o meno dell’ordinanza ex art. 9 della l. n. 447 del 1995 con il quale viene rimodulato l’orario dell’attività privata fonte delle immissioni acustiche. [C] Sull’utilizzabilità o meno di rilevamenti acustici trascritti in un rapporto non redatto secondo le prescrizioni dettate dall’allegato D) al d.m. 16 marzo 1998
T.A.R. Puglia Bari, Sezione III, 15 aprile 2009
Sulla possibilità o meno da parte del Sindaco, in caso di accertato inquinamento acustico, di esercitare i poteri di ordinanza previsti dagli art. 50 e 54 d.lgs. n. 267 del 2000, oltre a quelli di cui all’art. 9 l. n. 447 del 1995
T.A.R. Veneto, Sezione III, 5 febbraio 2009
Sul sistema previsto dall'art. 6 della legge n. 447/1995 che presuppone il preventivo azzonamento acustico del territorio comunale
Consiglio di Stato, Sezione VI, 22 ottobre 2008
[A] Sui piani di contenimento ed abbattimento dei rumori che devono predisporre i gestori aeroportuali. [B] Sulle diverse ed interagenti sorgenti di produzione del rumore derivanti dalla complessiva attività aeroportuale
T.R.G.A. Trento, 24 ottobre 2008
[A] Sui rapporti tra la classificazione acustica del territorio e la pianificazione urbanistica. [B] Sull’illegittimità dei piani di zonizzazione che abbiano omesso di predisporre le azioni di risanamento. [C] Sul procedimento per addivenire all’adozione dei piani di zonizzazione acustica
T.A.R. Veneto, Sezione III, 20 ottobre 2008
Sulla possibilità o meno che gli schiamazzi notturni degli avventori di un esercizio pubblico possano giustificare l’emissione di un’ordinanza sindacale di necessità
Tribunale di Venezia, Sezione Dolo, 18 luglio 2005
Sulla sussistenza o meno dell’obbligo di osservare le distanze per l’installazione di una barriera fonoassorbente costituita da pannelli modulari fonoisolanti e fonoassorbenti in lamiera di alluminio verniciati esternamente e con un'altezza di circa tre metri dal suolo
T.A.R. Emilia Romagna Parma, Sezione I, 18 settembre 2008
Nelle more della classificazione del territorio comunale ai sensi dell’art. 6, comma 1, lett. a) della l. n. 447 del 1995, sono operativi i limiti c.d. “assoluti” di rumorosità, ma non anche quelli c.d. “differenziali”
APAT. Linee guida relative ai criteri per la classificazione acustica
Linee guida relative ai criteri per la classificazione acustica dei territori comunali
Corte d’Appello di Firenze, Sezione II, 25 giugno 2008
Gli standards previsti dalla normativa pubblicistica ex. l. 447 del 1995 possono costituire un punto di riferimento da tenere presente, senza tuttavia assumere un rilievo decisivo ai fini della valutazione della intollerabilità delle immissioni ai sensi dell’art. 844 c.c.
T.A.R. Emilia Romagna Parma, Sezione I, 21 maggio 2008
In carenza del piano comunale di zonizzazione acustica sono operativi i limiti “assoluti” ma non anche quelli “differenziali” di rumorosità
T.A.R. Lombardia Brescia, 2 aprile 2008
Sul rapporto tra la pianificazione acustica, ai sensi della legge 447 del 1995, e la pianificazione urbanistica
T.A.R. Veneto, Sezione II, 21 marzo 2008
Sulla legittimità o meno di un divieto di esercizio delle attività artigianali introdotto dal Comune in determinate zone per un possibile pericolo di inquinamento acustico
T.A.R. Lombardia Brescia, Sezione I, 25 marzo 2008
Sui limiti di immissione acustica entro le fasce di pertinenza delle infrastrutture ferroviarie
Corte d’Appello di Firenze, Sezione II, 17 settembre 2007
Sul superamento dei limiti della legislazione pubblicistica in materia di rumore e sul risarcimento del danno per immissioni intollerabili ex art. 844 c.c.
Corte di Cassazione, Sezione I Penale, 17 gennaio 2007
Sul concorso tra la sanzione amministrativa prevista dalla legge quadro sull’inquinamento acustico – legge n. 447 del 1995 – ed il reato contravvenzionale di cui all’art. 659 c.p.
T.A.R. Veneto, Sezione III, 2 maggio 2007
Sugli spazi destinati al decollo ed all’atterraggio degli ultraleggeri e sull’applicabilità o meno della disciplina di cui all’art. 8 della legge 447/95 in materia di inquinamento acustico
Corte d’Appello Firenze, Sezione I, 18 gennaio 2007
Sulle immissioni sonore eccedenti il limite massimo legale o comunque la soglia della normale tollerabilità e sullo stress fisico e psichico provocato agli abitanti degli immobili confinanti
T.A.R. Veneto, Sezione III, 24 gennaio 2007
Sul piano di zonizzazione acustica che ricomprende all’interno della medesima classe, oltre agli stabilimenti industriali, anche altre aree agli stessi adiacenti ma aventi diversa destinazione
T.A.R. Puglia Lecce, Sezione I, 4 dicembre 2006
[A] Sulle ordinanze di contenimento delle emissione sonore inquinanti adottate ai sensi dell’art. 9 della legge n. 447 del 1995. [B] Sulla necessità o meno che l’inquinamento acustico coinvolga l’intera collettività ai fini dell’emissione di un ordinanza sindacale di contenimento. [C] Sul criterio dei valori limite differenziali di immissione
Corte di Cassazione, Sezione I, 1 settembre 2006
Al fine di accertare la sussistenza del reato di cui all’art. 659 del codice penale non occorre stabilire se siano stati osservati i limiti massimi al riguardo introdotti dalla legge n. 447 del 1995, bensì di accertare se il rumore generato dalla condotta ascrivibile al ricorrente sia idoneo a determinare l’evento di disturbo della tranquillità pubblica
Corte di Cassazione, Sezione Prima Penale, 5 luglio 2006, n. 23130
Risponde del reato di cui all’art. 659 c.p. il titolare di un ambulatorio presso il quale sono installati impianti di climatizzazione ed un gruppo elettrogeno che provocano emissioni sonore tali da disturbare il riposo delle persone
T.R.G.A. Trento, 6 giugno 2006
La circostanza che gli impianti di telefonia mobile siano classificati come opere di urbanizzazione primaria, non sacrifica le attribuzioni comunali in materia di assetto del territorio
T.A.R. Puglia Lecce, Sezione I, 24 gennaio 2006, n. 488
Sul potere di ordinanza contingibile ed urgente delineato dall’art. 9 della legge quadro sull’inquinamento acustico del 26 ottobre 1995 n. 447